per la separazione vado dall’avvocato di mia moglie?

Me ne sono andato di casa alcuni mesi fa perchè non andavo più d’accordo con mia moglie. Ora lei, tramite il suo avvocato, mi ha mandato una lettera per separarci e vuole che vada dal suo avvocato. Io sono indeciso se andarci, per risparmiare, o trovarmene uno per conto mio, spendendo di più. Cosa mi consiglia? (Paolo, via e-mail)

In linea di massima, il consiglio è che se non ci sono questioni particolari su cui discutere (tipo assegnazione della casa, mantenimento al coniuge, affidamento e mantenimento dei figli, etc.) ma, al contrario, i coniugi sono già d’accordo su tutto o quasi si può andare dallo stesso avvocato. Invece,nel caso in cui ci siano diversi problemi ancora aperti e su cui discutere, allora è meglio affidarsi a due avvocati diversi affinchè ognuno si veda tutelare al meglio i propri interessi. Il consiglio, in questi casi, è quello di spendere subito qualcosa in più per il proprio legale piuttosto che per, risparmiare subito, spendere molto di più negli anni a venire.

Infatti, è sempre da tenere presente, che le condizioni previste dal verbale di separazione/divorzio sono vincolanti per i coniugi per molti anni (fino all’autonomia economica dei figli, fino a quando il coniuge non si risposi e così via) , per cui è opportuno che tutte le questioni vengano attentamente e vagliate da un professionista che faccia solo ed esclusivamente gli interessi del proprio cliente e non di due persone con desideri ed esigenze contrapposte.

(con la collaborazione della Dott.ssa Antinisca Sammarchi)

About Antinisca Sammarchi

Avvocato tra Casalecchio di Reno (dove vivo) e Vignola. Convivo e abbiamo la fortuna di avere la compagnia di due splendide gatte europee, Triplette e Mimì.

Di la tua!