Google accusa Microsoft per posizione dominante

Leggo questo post relativamente ad una iniziativa per concorrenza sleale intentata nuovamente contro Microsoft questa volta da Google e mi vengono da fare alcune osservazioni, tra il giuridico e l’extragiuridico.

Innanzitutto, suscita qualche perplessità che sia proprio Google l’autore dell’iniziativa, un soggetto che si candida a prendere la posizione di Microsoft per quanto riguarda la posizione dominante su internet, dove la grande G gestisce già la ricerca, che è la funzione fondamentale della rete, sia creazione e gestione di documenti on line con google docs, uno dei più diffusi feed reader (google reader), praticamente tutti i newsgroup della vecchia usenet, una mare di account di posta elettronica tramite il fortunato e di successo sistema di gmail e un sacco di dati personali degli utenti, relativi alle ricerche da loro effettuate, utilizzabili a piacimento per ricerche di mercato e cose del genere. Ad ogni modo la “denuncia” di Google dovrà essere esaminata nel suo fondamento e a prescindere da quello che fa il suo autore.

Per quanto riguarda i contenuti, mi pare che sia eccessivo accusare Microsoft di avere eccessivamente integrato il suo sistema di ricerca dentro a Vista. I sistemi di ricerca attuali, inaugurati da spotlight di apple, che consentono di passare da un uso del computer di tipo gerarchico ad uno molto più efficiente e mirato, sono validi solo se sono effettivamente integrati nel sistema. Spotlight, ad esempio, non è stato solo un motore di ricerca locale proprio perchè disponibile in tutte le cartelle del sistema e quindi profondamente integrato con esso. Sotto questo punto di vista, dunque, ogni motore di ricerca locale deve essere integrato perfettamente nel sistema, per cui l’unica contestazione che si può fare a Microsoft è quella di non aver reso disattivabile il suo motore a favore di alternative di terze parti oppure aprire le API di sistema per consentire a terzi di realizzare motori diversi.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: