deposito di motocicletta all’estero

Salve, ho avuto a Bruxelles un incidente in moto, regolarmente posseduta dalla mia fidanzata qui in Belgio e regolarmente assicurata a mio nome sempre qui in Belgio. Il giorno dell’incidente la moto e’ stata portata nel mio garage di fiducia e la mia assicurazione ha rimborsato al garage tutte le spese sostenute. Essendo stato trasportato in ospedale dal quale sono uscito dopo una settimana (con una clavicola rotta e rimessa a posto con placca e 6 viti), mi sono recato al garage solo dopo circa 1 mese: qui ho parlato con un uomo sui 50 anni (il vecchio proprietario del garage, l’attuale essendo i figli) il quale mi disse che la moto era conservata in un angolo del loro deposito e che potevo prendermi tutto il tempo per decidere sul da farsi (venderla o aggiustarla). Devo ammettere che, una volta avuto il preventivo dall’assicurazione (3.000€ per una moto del ’95) ci ho messo ancora qualche mesetto a decidere, anche in considerazione del fatto che, a tutt’oggi, la Polizia ancora non ha deciso sulle responsabilita’. In questi 6 mesi ho avuto al telefono un paio di volte l’amministratrice del garage, ma ne’ lei ne’ la persona di cui sopra hanno mai menzionato un costo di parcheggio. Un mese fa vengo contattato da una terza persona del garage, molto gentile, con il quale, dopo 2 incontri e varie telefonate, mi metto d’accordo per vendere la moto a 300€, cosa che egli fa prontamente il giorno stesso della nostra ultima visita, pregandomi di tornare dopo una settimana con il contratto firmato per prendere i soldi (la firma sul contratto deve essere della mia fidanzata). Ancora nessuna menzione di un costo di parcheggio. Al mio ritorno trovo la signora di cui sopra la quale, prima del pagamento dei 300€ da parte sua, pretende la somma di 700€, pari a 7 mesi di parcheggio!!!!! A nulla sono valse le mie ragioni, e cioe’ che nessuno aveva mai menzionato tali costi 9altrimenti mica avrei lasciato la moto da loro per 6 mesi) e che 100€ al mese per il deposito di un rottame di moto che occupa 1 metro cubo mi pare esagerato. Le sue ragioni (e quelle dei legali del corrispettivo belga di “Altro Consumo”) e’ che “in Belgio e’ normale” e quindi avrei dovuto aspettarmelo. C’e’ da considerare che io non ho neanche firmato alcun foglio ne’ contratto in cui accetto le condizioni. In ogni caso, dopo essermi rifiutato di pagare, la signora si e’ a sua volta rifiutata di darmi i soldi della vendita (la moto, come gia’ detto, era stata gia’ data via all’acquirente) e mi ha persino mandato una raccomandata in cui mi ingiunge di pagare entro la fine del mese, altrimenti passa la faccenda al loro legale. (Paolo, via posta elettronica)

Il caso proposto dal lettore presenta alcune difficoltà in quanto nel caso di specie bisogna applicare la legislazione belga.

In Italia il deposito si presumo gratuito se non è previsto diversamente. Bisogna vedere cosa dispone la legislazione belga in proposito.

Nel Tuo caso dovresTi contattare un legale belga – o affidarTi ad un legale italiano che si appoggierà ad un collega belga – affinchè Ti sappia dare risposte più certe e, eventualmente, trovi un accordo con il proprietario del garage: ovviamente prima di fare questo bisogna che Tu faccia un’analisi costi-benefici.

Altrimenti, potresTi porvare Tu ad accordarTi con il proprietario lasciandogli il ricavato della moto e mandandogli una lettera in cui gli dici che secondoTe non devi più dare nulla dato che non c’era alcun contratto scritto relativo all’importo da versare e, nel caso in cui non accetti la Tua proposta, dirgli che lo farai contattare dal Tuo legale di fiducia.

About Antinisca Sammarchi

Avvocato tra Casalecchio di Reno (dove vivo) e Vignola. Convivo e abbiamo la fortuna di avere la compagnia di due splendide gatte europee, Triplette e Mimì.

Di la tua!