cosa si fa dopo aver vinto la causa

Scarica questo contenuto come un ebook.Scarica questo contenuto come un ebook.

Vorrei sapere se dopo aver vinto una causa con l’azienda XXX e questa mi deve dare dei soldi e non lo fa, cosa posso fare per recuperarli? Posso chiedere il blocco dei conti bancari? Come si fa? Grazie mille per la risposta. (Daniela)
Certo che si può chiedere il “blocco dei conti bancari”, si tratta del pignoramento presso terzi, che è la forma normalmente di gran lunga più fruttuosa di esecuzione. E’ necessario tuttavia sapere dove si trovano i conti correnti dell’impresa e che questi siano in attivo, cioè ci siano risorse tali da consentire il soddisfacimento del credito, almeno in parte. Se hai vinto la causa in primo grado, disponi anche di un titolo esecutivo, che nel processo del lavoro è sempre stato provvisoriamente esecutivo, mentre per gli altri tipi di cause lo è divenuto solo grazie ad un riforma più recente. Con questo titolo, che, sempre nel caso di crediti di lavoro, può essere formato anche dal solo dispositivo della sentenza, senza aspettare il deposito della motivazione, notifichi al debitore un atto di precetto e, trascorsi 10 giorni dal ricevimento di quest’atto da parte del debitore cioè l’azienda che ti deve dare i soldi, puoi procedere con il pignoramento. Dal momento in cui riceve l’atto di pignoramento, la banca deve tenere bloccati e a tua disposizione i soldi pignorati, in attesa del provvedimento del giudice che ci sarà ad una udienza che si terrà poco dopo.
Per sapere con quali istituti di credito un’azienda intrattiene rapporti, solitamente si incarica una agenzia di investigazioni. Nel procedere con l’operazione, valuta solo il rischio fallimento dell’azienda, che se intervenisse potrebbe vanificare la tua azione esecutiva individuale.
About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio» e «9 storie mai raccontate».

Comments

  1. Salve io ho lo stesso problema non riesco a prendere i soldi, le notifiche vanno sempre a vuoto. Ho sentito che le agenzie di investigazione si fanno pagare dei bei soldini per sapere la banca dove la società che deve pagare ha i soldi. Come bisogna muoversi ? Grazie.

  2. Noi abbiamo un pacchetto che costa 200€.

  3. L'esperienza raccontata da Daniela è tutt'altro che rara. Il segreto sta nell'accertarsi PRIMA di iniziare l'attività legale se il debitore ha da perdere oppure no. Agire dopo è come lanciare una monetina per aria. E' preferibile agire in prima istanza in sede stragiudiziale (con un service di recupero). Se la cosa non funziona, attraverso le informazioni raccolte in questa fase, eventualmente approfondite con un'agenzia di investigazioni finanziarie, si decide se procedere o meno al recupero giudiziale. A quel punto però, praticamente a colpo sicuro. Su questi meccanismi esisto libri piuttosto interessanti che spiegano come gestire il recupero dei crediti. Qualche titolo: "Guida alla gestione dei crediti in outsourcing. Tecniche di prevenzione, recupero e cessione" Sole24Ore ed. E poi ancora "Il recupero crediti" FAG ed. Circa le tecniche operative di recupero, interessanti i volumi "Come recuperare i crediti per telefono. Manuale operativo di phone collection" e "L'arte di recuperare i crediti".
    Spero di essere stato utile. Marco

  4. Grazie, molto interessante questo commento, tra poco torneremo sull'argomento e cioè sulla differenza tra avvocati e agenzie di recupero crediti, due strumenti molto diversi tra loro ma non fungibili, ognuno serve a scopi suoi propri.

  5. Salve,volevo sapere se una persona ha vinto la prima sentenza di una causa di lavoro,con tantodi reintegro è pagamento degli arretrati,quante possibilità ha di vincere anche i appello dato che l'azienda vuole nadare in a ppello?grazie!

  6. Naturalmente bisogna vedere il caso concreto, impossibile dare una risposta senza conoscere la causa. Noi siamo avvocati, mica indovini :-)

  7. salve, ho vinto una causa di lavoro con reintegro e pagamento degli arretrati. la società perdente vuole fare appello. quanto tempo passerà? grazie

  8. Buongiorno sono a chiedere una informazione: Sto bloccando un conto corrente di una società a seguito ingiunzione e sospensione esecutiva , entro quanto tempo la banca deve dare comunicazione dell'avvenuto blocco e dirci di quanto ammonta la somma posseduta al momento..A me risulta 15 gg ma ancora non ho ricevuto risposta …in quanto ne sono passati 23 posso andare personalmente alla banca e chiedere informazioni in merito e eventualmente fare esposto per mancata ricezione dei dati..
    Vi ringrazio per una cortese risposta Andrea

  9. Gentile avvocato, ho letto diversi punti sul suo blog e sono a ringraziarla spero a nome di tutti per la grande utilità delle informazioni che lei quotidianamente mette a disposizione..Vista la enorme difficoltà a volte economica e giuridica nel cercare di capire le cose che dai semplici uffici dove il cittadino dovrebbe avere diritto a essere informato.
    Andrea

  10. Alessandro says:

    Buongiorno, io sono nel bel mezzo di una causa di lavoro con il mio ex titolare, credo che il mio credito sia abbastanza certo in quanto le buste paga che attestano il credito non sono mai state liquidate…..
    Visto che conosco bene la sua situazione finanziari sono certo che in caso di vincita della causa non vedrò un centesimo, i conti in banca non credo siano in positivo e credo che le case a lui intestate siano ipotecate, come posso fare pre vedere qualche soldino? Pensavo alla cessione del credito, ma purtroppo su intenet non trovo informazioni a riguardo.

    grazie in anticipo

    • La cessione del credito è una cosa che non ha senso, forse intendevi un pignoramento di denaro presso terzi? Su internet, al riguardo, ci sono molte informazioni.

      Comunque ti faccio due osservazioni. È preferibile aspettare la fine del procedimento, perchè la situazione può essere diverse, anche molto, da quella attuale. La seconda osservazione è: ma perchè non ne parli con il tuo avvocato? La valutazione delle possibilità di incasso al termine di una causa sono uno degli aspetti *fondamentali* che si devono valutare con il proprio legale, personalmente lo faccio ancora prima di iniziare la causa.

      –?cordialmente,

      tiziano solignani, da ? Mac http://bit.ly/gdi2ZX, http://bit.ly/gwjT6c, http://bit.ly/ie8rvv

  11. Alessandro says:

    Il mio avvocato sostiene che sarà dura vederli i soldi, per questo motivo ha provato più e più volte di trovare un accordo extra giudiziale. Io pensavo (e non so se è fattibile) di vendere il credito, cioè se ho un credito di 10.000 euro cederlo a qualcuno che me ne dia subito 7/8000 e poi si arrangia lui a riscquioterli, non so se è la tessa cosa che intendevi.
    Ovviamente spero sempre che a fine processo le cose vadano per il meglio, ma intanto mi informo :-)

  12. Alessandro says:

    Grazie mille :-D

  13. Salve, io ho vinto una causa di lavoro, ma ovviamente non sono riuscito ancora a vedere un euro. Dopo tempo sono riuscito a sapere dove la società creditrice ha i soldi (2 mesi e mezzo fa) ma il mio avvocato ogni volta sembri che inventi una scusa. E' normale che ci voglia tutto sto tempo? Il mio avvocato potrebbe essere corrotto in quanto la somma è abbastanza elevata (85000 €)??? E' normale che la banca non si faccia sentire (è quello che mi dice il mio avvocato). La ringrazio anticipatamente.

    • Tutto può essere in questo mondo, purtroppo, ma per poter dare un giudizio naturalmente bisognerebbe conoscere il caso in tutti i suoi dettagli e vedere che cosa è stato fatto o non fatto di preciso. Ti consiglio di muoverti con urgenza finchè sai dove ci sono soldi pignorabili, perchè se poi vengono spostati perdi ogni possibilità di esecuzione. In bocca al lupo.

      –?cordialmente,

      tiziano solignani, da ? Mac
      splash http://ts.solignani.it
      ebook http://goo.gl/pUJx6

  14. umberto says:

    Salve io ho vinto una causa in appello contro un' assicurazione per le vittime della strada ed e' ormai da quattro mesi che mi devono pagare ma rimandano sempre.Il mio avvocato prima ha notificato il precetto e dopo i dieci giorni gli ha notificato il pignoramento per terzi.
    Quello che mi chiedo e' che questa assicurazione copre il campo nazionale come e' possibile che si sia fatta pignorare i conti?
    La ringrazio anticipatamente

  15. giuseppe says:

    salve, io ho vinto una causa di lavoro, ho avviato la procedura di precetto e ora siamo giunti al pignoramento presso terzi, abbiamo individuato qual'è la banca in cui la società che è una srl tiene il conto, a giorni ci sara la sentenza per l'esecuzione. vorrei capire una cosa se i soldi del conto non soddisfano il mio credito posso anche avvalermi dei soldi in entrata dei prossimi mesi?mi spiego meglio il pignoramento è stato notificato i primi di luglio alla banche, la causa di esecuzione è stata fissata per il 16 settembre, quindi visto che la società è un albergo e ora ad agosto avrà entrate notevoli i soldi in entrata vengono anche congelati? ringraziandovi anticipatamente porgo saluti

    • La sentenza e la causa che dici in realtà sono l'udienza ex art. 547 cod. proc. civ. in relazione alla quale la banca dovrà comunicare se hai dei debiti versi la srl da cui tu devi essere pagato. Il pignoramento, a mio giudizio, si estende anche alle somme che il debitore dovesse versare presso il terzo dopo la notifica dell'atto e prima dell'udienza, anche se potrebbe porsi un problema logistico dovuto al fatto che adesso la banca terza pignorata assolve il suo onere spedendo una lettera con cui comunica l'ammontare delle somme e non più partecipando all'udienza – ma penso che in caso di aumenti delle somme potrebbe sempre spedire una seconda comunicazione.

      La cosa, comunque, nella pratica non avrà nessuna rilevanza: secondo te l'albergo che hai pignorato andrà a depositare gli incassi nella banca dove c'è il pignoramento o non li andrà piuttosto a mettere da qualche altra parte?

      –?cordialmente,

      tiziano solignani, da ? Mac http://ts.solignani.it (splash) http://goo.gl/p6Sb0 (libri)

  16. salve , mi chiamop mostafa ho vinto una causa del 2006 e dopo la ditta e fallita dopo l avocato del cgl mi amandato da un alro avocato che fatto un causa per le stato di fallimento ho vinto l ulitima causa e non ancora preso nianche un euro come faccio ?grazie mille .

    • Purtroppo in caso di fallimenti i lavoratori dipendenti sono tutelati in modo limitato. C'è l'INPS con un fondo di garanzia per il pagamento del tfr e delle ultime due o tre buste paga rimaste impagate, tutto il resto va nel fallimento e viene pagato, in percentuale, solo se dalla vendita dei beni si ricava qualcosa. La CGIL, come del resto gli altri sindacati, sono abbastanza professionali nel gestire questo tipo di vertenze, per cui se loro non sono riusciti a farti avere nulla non credo che ci siano altre speranze, in ogni caso chiedi a loro che conoscono il tuo caso meglio di chiunque altro, mi riferisco sia all'organizzazione sindacale che agli avvocati che ti hanno indicato. In bocca al lupo.

      –?cordialmente,

      tiziano solignani, da ? Mac http://ts.solignani.it http://blog.solignani.it

  17. salve avvocato spero che possa aiutarmi 3 anni fa ho avuto un incidente stradale dove sono scappati lasciandomi li a terra in coma e con tutti i danni che ancora oggi porto . la mia causa e stata vinta usando il fondo delle vittime della strada ma sono due mesi da dopo la sentenza che non mi arrivano i soldi e con tinuano a dire che hanno spedito l’assegno come posso fare sono in serie difficolta senza lavoro e con un mutuo che sono 4 mesi che non pago e sto rischiando tutto le sa di cosa parlo puo consigliarmi come procedere sono veramente alle strette

    • Bisogna notificare un atto di precetto e poi procedere esecutivamente contro la compagnia condannata al pagamento. Conviene che discuti di tutto ciò, però, con l’avvocato che ti ha seguito sino ad oggi, facendoti anche ottenere una sentenza favorevole.

  18. salve mi chiamo giorgio e ho vinto una causa di lavoro dal 2009 o lavorato in nero e mi devono 15.000 euro non lo so se la avocato che mi rapresenta e serio x che la cosa e strana non sono riusciti a prendere i soldi anche se la dita andava bene fino nel 2012 adesso mi dice che e hano falito e devono ricominciare tutto da capo secodo lei e normale? grazie

  19. giovanni says:

    salve
    dopo aver atteso un anno finalmente vinco una causa di lavoro per mancate retribuzioni tfr ecc,mi sono licenziato per giusta causa perche’ gli stipendi non venivano pagati, il giudice in sentenza mi da la giusta causa e dispone il pagamento dell’ indennita’ di preavviso , quindi condanna al pagamento delle spese a controparte ma, nella sentenza dimentica di intimare alla controparte gli stipendi arretrati, tfr, ecc..la sentenza e’ del 18/12/2012, il mio legale ancora non si e’ espresso, secondo lei come ci si deve comportare?? grazie per l’attenzione.

    • Se si è effettivamente dimenticato, si può tentare di fare un procedimento di correzione della sentenza, ma la vedo un po’ grigia, bisogna che ci sia un riferimento almeno nelle premesse della motivazione della sentenza. Se non si riesce con la correzione, bisogna impugnare con appello, purtroppo. La prima cosa da fare è verificare le domande originarie, tuttavia. Su questo punto, il tuo avvocato ti deve spiegare chiaramente come stanno le cose, a mio giudizio.

  20. salve.io hovinto una causa di lavoro all TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA,SEZIONE LAVORO,sentenza dell 12.07.2006,che condanna la ditta in liquidazione all pagamento di 6830 euro a titolo di emolumenti lavorativi vari,oltre interessi rivalutazione.no ho mai ricevuto nulla.cosa posso fare,visto che il mio avvocato ha detto che non ha intenzioni di andare avanti.posso fare causa civile ai liquidatori? grazie.

    • Bisognerebbe capire bene per quale motivo il tuo avvocato non ritiene di andare avanti, può darsi che ci siano poche possibilità di recupero concreto. Insomma va studiata la situazione bene e approfonditamente per vedere se il tuo titolo giudiziale vale la pena metterlo in esecuzione o no.

  21. Salve , ho una causa di lavoro iniziata nel 2001 ,oggi mi ritrovo ad aver vinto la causa ma tra i beni pignorati ci sono 2 appartamenti che sono in comunione di beni tra i due coniugi di cui uno soltanto mio debitore. Mi e’ stato riferito dal mio avvocato che andranno in asta entrambi con incanto,ma solo il 50% di proprieta’ del debitore, ma io mi chiedo chi comprera’ un appartamento al 50 % di proprieta’? rischio dopo tanti anni io creditore , di rimanere a mani vuote se le aste saranno deserte?(Visto che ho dovuto sostenere con sacrifici tutte le spese di procedura. E da premettere che al momento non sono il solo, contro questo debitore perche’ c’e anche ‘ la causa di un altro creditore .Potrebbe gentilmen fare chiarezza su come andra’ a finire il tutto’ La ringrazio .Massimo

    • Il problema è proprio quello, a volte i giudici dispongono anche la divisione dei beni ma bisogna vedere la situazione in concreto. Stai attento alle spese perché il rischio di buttare soldi è alto.

  22. Salve ho vnto una causa di lavoro relativa a un rapporto di lavoro parasubordinato . Il giudice ha condannato il datore di lavoro a pagarmi un compenso di 30000 euro, oltre interessi e rivaloutazione monetaria per totali 40000.
    Domanda: il datore mi deve pagare i i 40000 euro o, come lui sostiene, operare su qusto importo le detrazionbi d’imp’osta IRPEF e l’INPS tutte a mio cairco??
    Grazie

  23. salvatore says:

    salve
    ho vinto una causa per sfratto per morosità, l’avvocato che ha lavorato per me chi lo paga adesso ?
    La persona che è stata sfrattata??
    grazie mille….

  24. salvatore says:

    salve
    ho vinto la causa per sfratto per morosità. Nell’ultima parte della sentenza riporta la seguente dicitura :
    “Inoltre coincide certamente con un principio di normalità che essere privati di un proprio cespite senza poterne godere nè sfruttarlo economicamente costituisce pericolo di danno, in tempi di notoria crisi economica.”
    Posso chiedere un risarcimento in quanto non mi ha pagato per quasi due anni ? quale strada devo fare e come ?
    grazie mille.

    • Questa frase mi sembra che sia una vera e propria supercazzola, sulla quale non mi arrischierei a costruire altre cause, onestamente. Il danno che hai avuto consiste nei canoni non pagati più gli interessi moratori, oltre ovviamente a quello che si trovava nell’appartamento e che è stato danneggiato. Altre possibilità sinceramente non ne vedo.

  25. ciao posso sapere una cosa ho vinto una causa di rieintegro al lavoro esecutiva di primo grado sono passati 4 mesi e ancora la mia azienda non provvede ad inserirmi al lavoro ,io,che devo aspettare visto che non mi paga .grazie,

  26. salvatore says:

    salve
    ho vinto la causa per sfratto per morosità
    Posso chiedere all’inquilino ormai sfrattato il risarcimento? come?
    grazie

  27. Alessandro says:

    Salve ho una causa con il mio ex datore di lavoro ke nn rispettava il contratto facendomi fare lavori superiori e di responsabilità ,le spiego avevo un contratto di apprendista sceglitore invecie mi occupavo di spedizione del magazzino caricavo i camion sia a mano che con il muletto e quando mancava qualche operaio lo sostituivo in tutti i reparti, e volevo chiedervi se ho diritto al rieintegro visto che mi era scaduto il contratto determinato

    • Non ho capito granchè, potrebbero esserci presupposti per più iniziative, ma bisognerebbe studiare il tuo caso con calma e approfonditamente. Ti consiglio di rivolgerti ad un legale di fiducia.

  28. francesca says:

    Salve ho da recuperare un credito ed il mio avvocato ha richiesto il fallimento dell’azienda debitrice. posso sapere come funziona tale richiesta?

    • Dovrai probabilmente aspettare molti anni e difficilmente recupererai il tuo credito. Molto dipende dall’esistenza di una certa massa attiva o meno è da eventuali tuoi titoli di precedenza (privilegi); si potrebbe, volendo, sentire dal curatore, a livello molto indicativo sempre però.

  29. Cristina C. says:

    Il mio marito ha la stessa storia come la signora in alto solo che la cooperativa continuamente sta spostando il suo conto. Adesso vuole cambiare anche il nome e diventa un azienda. Mi devono un intero anno di stipendio + il contributi. Come si fa recuperare? Ho anche una sentenza definitiva in mano.

  30. minny says:

    ho perso la causa civile di primo grado su di una piccola proprietà in comunione. Ho fatto ricorso con appello ke verrà approvato entro settembre. ora mi kiedevo mia sorella nel frattempo ke diritti ha sull’immobile? ieri ha posto un lucchetto all’ingresso. poteva farlo?

    • Mi dispiace ma senza conoscere nè la situazione nè la sentenza di primo grado non ho la minima possibilità di darti qualsiasi indicazione, posso solo dirti che la sentenza di primo grado va rispettata nonostante l’appello.

  31. franko says:

    buon giorno ho vinto una causa …. dopo il datore di lavoro ha fato appello ma ho vinto anche quello Il giudice ha condannato il datore di lavoro a pagarmi un compenso oltre interessi la soma di 43.465,81..adesso ho sentito che si fa sequestro la dita e un S.N.C quanto tempo serve per prendere soldi grazie

  32. Ho vinto una causa di lavoro in appello a settembre, ma i soldi (stipendi e arretrati) non sono ancora arrivati.. Stanno provando in continuazione a “prendermi in giro” con le proposte poco, ma davvero poco serie, solo che dopo tanti anni ho deciso di andare “fino in fondo” e prendere ciò che merito.. Il mio avvocato ha fatto il precetto una settimana fa.. Si tratta di un’azienda molto grossa e potente..

    Adesso cosa succede? E, la cosa più importante, è vero che può passare ancora tanto tempo prima che me li diano davvero?

    Grazie per la risposta..

    Il blog è molto, molto bello.

    • Grazie per i complimenti e … la fiducia, ma è un po’ troppo, per rispondere alla tua domanda ci vorrebbe infatti un indovino più che un avvocato ;-) Se è un’azienda «grossa», avrà sostanze aggredibili, per cui potrai fare un tipo di pignoramento, come quello del conto corrente bancario, o altri. Il discorso è abbastanza complesso, ti consiglio di parlarne col tuo avvocato che conosce il tuo caso e la situazione del tuo ex datore meglio di chiunque altro. In bocca al lupo.

  33. Salve,
    A Marzo ho vinto la causa di primo grado contro il mio datore di lavoro per ingiusto licenziamento che prevede il reintegro al lavoro ed il pagamento degli arretrati. Ad oggi non ho ricevuto ne i soldi, ne il lavoro. L’ avvocato dice che c’è la possibilità di non riottenere il lavoro fino alla sentenza di secondo grado. La domanda che mi pongo è: è il mio avvocato male informato o il ricorso in appello della ditta automaticamente stoppa la sentenza del primo grado? Grazie infinitamente per la risposta

    • La sentenza di primo grado è provvisoriamente esecutiva, salvo che in appello non venga sospesa ma è raro. Dovete darvi da fare dal lato esecutivo, notifica precetto e via, c’è da dire che una sentenza del genere non è di facile esecuzione ma pian piano ci si può riuscire, comunque bisogna provarci.

  34. Buona sera, io ho un problema.. L’aziend per la quale lavoravo nel 2007 mi ha portato in trubunale, abbiamo vinto rima dienza, ricorso in appello vincendo anche quello, alla fine il tribunale obbliga la socieà a pagare spese processuali avvocati ecc.. Il tutto non avviene, procediamo a pignorare il materiale del magazzino (l’esattore estremamente incompetente) vendiamoil materiale recuperato per un ammontare di 180€, pignoramo i conto corrnte ma la banca ci informa che il c/C ha già de debitori e che lavorano con anticipo di effetti.
    Sinceramente il giochino partenza dovevo avere 2000€ attualmente tra spese ecc sono arrivato a 19000€. Il problema maggiore e che mi toccherà pagare tutto a me poichè la società è un SRL e l’amministratore non ha ninte.
    Cosa altro potrei fare .. di legale per avere i soldi senz senderne ulteriori.

    • È una domanda per cui non c’è risposta, è una cosa che avreste dovuto valutare prima di iniziare tutte le cause, quella della solvenza del debitore. Io lo faccio fare a tutti quelli che si rivolgono a me per un recupero credito, a maggior ragione quando il debitore è una società di capitali. Puoi, se proprio vuoi, provare a far fare una indagine investigativa per vedere se si riesce a scovare qualche cosa di aggredibile. Oppure forse si può provare con l’istanza di fallimento, ma è tutto da valutare.

  35. Salve..vi scrivo a proposito della mia causa di lavoro ke ho vinto a maggio del 2012 dopo ben sette anni di cause rinvii…io lavoravo in un negozio di abbigliamento ero l unica commessa…ma torniamo a noi la sentenza mi ha assegnato circa 60mila euro ma fino ad ora ho raccimolato solo 1.500 euro lui ha due negozi esistenti con il nome della societa’ ke ho messo in causa….sono stanca ho pignorato varie banca dove potesse in conto ma tt negativo ma lui continua a lavorare ed io…..vi prego se ha un minuto x me mi risponda….io sn disoccupata da qnd ho iniziato qst benedetta causa..ah e dimenticavo da un mese circa ho pignorato una piccola somma di denaro alla posta cm devo fare?????il tribunale ha anke svincolato la cifra…e poi a settembre ho gia’ l appello….pensavo se lo denunciassi alla guardia di finanza xkè lui è debitore nei miei riguardi aspetto notizie e di cuore grazie ROX

    • Io ti rispondo volentieri ma il problema tuo è trovare qualcosa di attaccabile con un pignoramento, non c’è molto da dire al riguardo. Valuta se incaricare un’agenzia investigativa di fare alcune indagini patrimoniali, se anche lo denunci alla finanza che cosa ci ricavi, che avrà per via delle multe sempre meno soldi pignorabili…

  36. Mauro Travan says:

    Con caloroso saluto la vorrei interpellare in merito alla mia causa vinta al Tribunale del Lavoro di Roma, contro l’Inps in merito al riconoscimento dell’assegno ordinario di invalidita`. Il Tribunale mi ha riconosciuto tale assegno con ratei arretrati dal 01/01/2011, oltre spese di tribunale, spese sostenute per la causa e spese varie. L’Inps ha fatto di tutto per ritardare tale pagamento in quanto io ho “rotto” standoci sotto, non le sto ad elencare ogni cosa per il fatto che dovrei tenerla impegnata per molto, posso dire che ho fatto vedere loro quanto sono stati disonesti ed arroganti. Ora ho ricevuto una telefonata dal legale di Roma in cui mi si richiedeva gli estremi bancari perche` l’Inps voleva procedere al pagamento, questo alle 7,45 del mattino del 26/06/2013. Lo stesso giorno mi veniva recapitata la lettera dell’Inps in cui mi comunicavano il fatto che la domanda di assegno di invalidita` effettuata nel agosto 2008 era stata accettata; seguivano i conteggi e le cifre che avrei dovuto percepire, oltre il formulario per la domanda di riconferma triennale( scadenza 31/12/2013). In fondo all’ultima pagina trovavo scritto che gli arretrati di circa 51.000 euro erano accantonati per vedere come e se pagare tale cifra. Cosa vuol dire cio`? sono passati 15 giorni dalla richiesta dati bancari e non ho ancora visto niente, qunato potrebbe volerci? io sono in convenzione internazionale, sono residente in Austria.
    La ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.

    Mauro

  37. Antonio says:

    Salve ho avuto una sentenza favorevole per pignoramento presso terzi per crediti da lavoro dipendente. La sentenza è avvenuta il 2 maggio, i soldi presenti sul conto corrente pignorato soddisfano per intero il credito. Il mio avvocato ha spedito da più di un mese la notifica. Ad oggi il conto risulta ancora bloccato per l’intestatario e la banca non ha provveduto a farmi il bonifico. Cosa deve fare l’avvocato (lo vedo incerto), cosa rischio se la ditta per cui lavoravo chiude? Grazie

  38. Rossana says:

    Buongiorno e grazie per la disponibilita’
    Ho vinto una causa di lavoro per licenziamento collettivo
    nullo e il mio datore di lavoro e’stato condannato
    a pagare 50000lordi. mi ha fatto una proposta
    di conciliazione pari a 42000, non specificando netti o lordi,
    se accettavo avrei dovuto rinunciare al pignoramento
    gia’avviato. ho accettato, peccato che dopo la firma,
    abbiano mandato un altra scrittura in cui quei 48000 diventavano lordi e secondo loro
    mi sarei dovuta pagare io i contributi etc!
    il mio avvocato ha deciso di pignorare. quanto tempo passa e
    che convenienza ha l’azienda a non pagare? potrebbe
    far sparire i soldi dal conto con facilita’?non rischia nulla
    se li fa’sparire? e’una societa’finanziaria che lavora per una grossa Banca
    su cui pignoreremo.

    • Sono domande per cui non esiste una risposta, in questi casi puoi solo provare. Io onestamente avrei accettato l’accordo, ma tu avrai avuto i tuoi buoni motivi per rifiutare.

  39. Rossana says:

    Buongiorno, grazie per la risposta, anche se non ho capito
    perche’a parer suo non ci sono risposte alle mie domande.
    l’azienda e’attiva, guadagna milioni di euro e vista la
    sua esperienza non sa dirmi se e’possibile che possa far sparire
    i soldi dal conto?
    io l’accordo l’ho accettato, loro poi hanno corretto
    mettendo la voce lordo, che mi faceva perdere 15000
    euro. per me non son pochi. per quello l’avvocato
    ha deciso di proseguire. tutto qui

  40. topolina says:

    buongiorno volevo chiedere delle informazioni se possibile, spiego la situazione in breve, mia zia ha un terreno con immobile e avendo deciso di venderlo, ha dato procura ad un privato per farlo,questo se ne è appropriato tramite un atto notarile dal quale non risulta la firma di mia zia; è stata fatta la causa e il tribunale ha riconosciuto a mia zia il risarcimento, il problema è che nonostante ci sia una sentenza questa persona non paga, volevo sapere quale è l’iter da seguire ora?? se bisogna fare un pignoramento oppure un esecuzione forzata, vorrei sapere quale è la prassi? ed anche quali sono i costi per mia zia, se sono a suo carico eventuale pignoramento; inoltre le hanno detto di fare una notifica della sentenza alla controparte, è vero?e le hanno detto che questa notifica costasse circa intono ai 30.000 euro, è mai possibile?? la ringrazio anticipatamente, spero nel suo consiglio

    • È assolutamente impossibile dare qualsiasi consiglio senza avere visto tutti i documenti fondamentali della pratica: procura, atto di vendita, sentenza. Dopo aver visto questi, poi, occorre fare una indagine investigativa sulla solvenza del debitore. Non è possibile trattare problemi di questo genere con una approssimazione come quella che dimostri, tua zia avrà avuto un avvocato che l’ha seguita, e l’ha fatto bene visto che ha vinto la causa, in primo grado, è a lui che dovete chiedere queste cose. Se per qualsiasi motivo non potete più rivolgervi a questo avvocato, è necessario incaricarne un altro per avere innanzitutto tutti i chiarimenti e la consulenza necessari e quindi decidere il da farsi e infine farlo.

  41. Buongiorno,io circa 8 anni fa ho vinto una causa contro una signora che gestisce un negozio,deve risarcirmi tra spese,visite,ospedale etc.. di circa 45.000 € ma questa signora non ha intestato nulla e dice che soldi non ne ha.. l’avvocato mi dice che l’unica soluzione e’ rivolgersi a un investigatore privato,volevo sapere se è effettivamente così…grazie in anticipo.

  42. Salve il 24/09/2013 il giudice del lavoro ha disposto la sentenza sulla richiesta mia di regolarizazzione del mio contratto da contratto a prog
    A contratto tempo indeter. Piu ‘ differenze retrib. E maternita’ mai presa e reintegrazione:il giudice definitivamente pronunciando il parziale accoglimento del proposto ricorso dichiara nullo il termine opposto al contratto e effetto dichiaro costituito un rapporto subordinato alla dipendenze della societa’ a far data dalla presente pronuncia…condanna la resistente a 5 mensilita’ dell’ultima retribuzione globale di fatto piu’ spese di lite…poi agiunge alla fine che tale indennita’ deve ritenersi comprensiva di tutte le voci di danno lamentate dalla ricorrente…(io ho chiesto differenze tetrib. 13_14 cesima ferie permessi non goduti eccc…)ora io chiedo una perche’ mi viene appli. La legge 15 luglio 1966 n.604 ..perche’ ritenuta parziale definitiva…dopo che il giudice stesso scrive nella sentenza che i progetti allegati ai contratti sono di natura superflui..perche’si limitano a richiamare l’ogetto sociale riportando gli stessi obiettivi e scopi dell’azienda ..infatti lo dichiara nullo….il giudice si e’ confuso un pochino…???? non mi chieda del mio avv. Perche’ lo sto cambiando..perche’ credo che non mi sia stata data una consulenza giusta…
    Aspetto sue risp.

    Grazie

    • Mi dispiace ma non ha alcun senso esaminare un provvedimento giudiziario senza poter vedere l’originale nel suo intero, o quantomeno una copia attendibile del medesimo, e senza conoscere i tratti essenziali delle domande contenute nei ricorsi introduttivi. Chiedi al tuo nuovo avvocato, se sei in passaggio da un vecchio ad un nuovo. Mi dispiace non poterti essere più utile ma credimi è davvero impossibile in questo modo.

  43. Salve Avvocato, ho vinto la causa con reintegro immediato dul posto del lavoro e danni vari. sin’ora, sono passati oltre 20 giorni, la società non si è ancora fatta sentire. Cosa posso fare? Ci sono dei tempi limite da attendere? Da considerare che la sentenza è immediatamente esecutiva e lo stesso Giudice ordina la società all’immediato reintegro. Come ci si comporta in questi casi? Ho letto tra i vari post che bisogna procedere con il precetto, cosa sta ad indicare esattamente un reintegro forzato sul posto di lavoro? Grazie.

    • Ma il tuo avvocato è scappato all’estero ;-) ? Queste sono cose che dovresti in primo luogo chiedere a lui, che conosce il tuo caso meglio di chiunque altro. Comunque sì, bisogna procedere con l’atto di precetto, è un discorso molto lungo e che può essere anche impegnativo, da affrontare un passo alla volta.

  44. Grazie Avv. per la celere e esaustiva risposta. Comunque si, è all’estero per sbrigare delle faccende (percaso è anche un veggente?…).
    Possso approfittare della sua bontà nel chiederle del precetto? Durante il precetto la mia posizione non dovrebbe cambiare, nel senso che comunque sono reintegrato come dipendente nella società, giusto? Mi spaventa il “discorso molto lungo” e “impegnativo”. Scusi la mia ignoranza in materia ma, secondo lei, dopo tutto questo ambaradam io quando metterò di nuovo piede in azienda? Grazie ancora.

    • Onestamente ti conviene parlarne col tuo avvocato appena torna. Qui potremmo solo abbozzare cose che non solo non ti sarebbero probabilmente utili ma potrebbero anche dare origine a confusione quando poi parlerai col tuo legale. Non è niente di difficile come atto in sè ma va calibrato sulla situazione e inserito in una strategia che appunto si può definire solo conoscenza la situazione e l’azienda.

  45. Tutto chiaro. Grazie mille!

  46. ho vinto una causa!!..ho pagato x il piglioramento del conto!!…a luglio!!!…oggi ancora niente!!!niente di niente!!..la causa e vinta dal mese di maggio…e durata 5 anni!!—ancora oggi..puressendo vincitore…niente e niente!!! quanto devo aspetare ancora?..ti ho scritto pure su fb!!..grazie avocaa!!!..e scusa la mie scrittura!!!..sono straniero!!..cordial
    e saluto!! :D

  47. Ho vinto una causa con una srl ora gli ho pignorato un terreno perché nel frattempo della causa hanno venduto tutto ora mi dicono prendi il terreno o anche tutte le quote della srl
    Cosa faccio ?
    La causa era vinta per oltre 50000
    Ora è rimasto solo più quello

  48. gabriella N. says:

    Buongiorno ho vinto una causa di lavoro per due trasferimenti illeciti mi è arrivato proprio oggi il telegramma per il reintegro ma dicono che faranno l’appello volevo sapere quanto tempo passa e non capisco se una persona che vince la causa può perdere un’appello grazie

  49. Salve,
    a Settembre del 2012 ho aperto una vertenza tramite sindacato con il mio ex datore di lavoro, con il quale, dopo esserci recati all’ispettorato del lavoro, abbiamo concordato come somma da liquidare 18.000 € suddivisi a 300€ al mese per 5 anni circa. Dopo qualche mese non ho ricevuto più le somme e mi son nuovamente rivolta al sindacato il quale mi ha invitata a procedere ormai legalmente, asserendo che il mancato rispetto del concordato implicava la liquidazione completa della somma in un unica soluzione. Ho parlato quindi con l’avvocato a loro disposizione che mi ha comunicato poi dopo circa un mese e mezzo che il mio ex datore di lavoro non ha dato “cenni di vita” e bisogna quindi procedere al pignoramento, di risentirci qundi tra un altro mesetto, a “cose fatte”. Presumo ora, dato anche come ha sempre parlato lui, che il mio ex datore di lavoro non ha nulla di pignorabile poichè si è trovato coinvolto in situazioni particolari in passato e questo l’ha portato a non intestarsi più nulla e la sua attività dubito navighi in buone acque. L’avvocato è sempre molto sbrigativo e difficilmente risponde esaudientemente alle mie domande, dice solo che otterrò i miei soldi e che risolveremo. La mia domanda è però proprio questa: come funziona se all’atto del pignoramento lui risulta non possedere nulla utile a coprire la somma dovuta??
    Grazie in anticipo per la risposta, e chiedo scusa per essere stata troppo prolissa.

    • Che non prendi niente, però nel tuo caso potrebbe esserci il fondo di garanzia dell’INPS a provvedere (per dirlo bisognerebbe conoscerlo più nel dettaglio).

      • Salve sono sempre la signora che ha vinto due trasferimenti illeggittimi il 04/01/2014 dovevo essere reintegrata nel mio posto di lavoro presso il comando provinciale vvf di TP ma la cosa non è avvenuta perchè il comandante non mi fa entrare ma non mi mette neanche la motivazione per iscritto così ho chiamato i carabinieri e ho denunciato il comando ma la ditta non si sta preoccupando di farmi lavorare in altri posti sempre nella mia provincia dice che loro hanno fatto il possibile ma non possono fare altrimenti io non sono stata assunta dal comando vvf ma da una ditta privata nella mensa come cuoca 4° con contratto collettivo per il turismo a tempo indeterminato. Cosa succederà con la mia querela verso il comando e quando la ditta andrà via quella che subentrerà dovrà assumermi o no visto che non mi stanno facendo lavorare.

        • Mi dispiace ma dovrei vedere cosa dice esattamente la sentenza che ha riconosciuto il tuo diritto per capire come possibile attuarla. Purtroppo con questo tipo di provvedimenti i problemi sono abbastanza diffusi, ma studiando bene la situazione si può pian piano vedere come procedere. Ti consiglio di parlarne adeguatamente con l’avvocato che ti ha seguito per la fase di merito.

  50. salve spero che qualcuno mi risponde e mi dica cosa fare,io lavoravo per una ditta e facevamo lavori di illuminazione publica, poi un giorno dopo 6 anni e arrivato un ingegniere con cui ho avuto una piccola discussione,poi ha raccondato tutto alla ditta della nostra discussione,diciamo siamo quasi arrivati alle mani, la mia ditta mi alicenziato,senza sapere la ragione con noi cerano i miei colleghi che anno visto tutto,avevo ragione io,ma i miei capi mi anno licenziato, io glio ho denunciati ,il giorno della causa fuori in una stanza degli avvocati mi anno detto che avevo ragione con tante scuse e che potevo ritornare a lavorare quando volevo,dopo aver firmato un contratto che diceva che dovevo tornare come ero prima cioe con un contratto a tempo inteterminato,ho lavorato 2 anni e il contratto nn me lanno fatto poi un giorno mi dicono,che il lavoro scarseggia,mi fanno mettere in disoccupazione ,e da allora sono passati quasi 2 annni sempre promettendomi di riprendermi ,anno gia preso anche delle altr persone,qui io dico ora che posso faree grazzie

    • Così non si capisce granché e comunque non è che per situazioni di questo genere ci sia una soluzione che io possa «passarti» affinché tu la metta in pratica: ti conviene rivolgerti ad un avvocato o ad una organizzazione sindacale seria per farti tutelare, anche considerando le peculiarità che dovessero esserci nel contratto collettivo per la tua categoria.

  51. SALVE avvocato ho vinto la causa contro il mio datore di lavoro solo che dopo ha ceduto l’azienda ad un suo parente ed e ancora attiva come si deve procedere…..GRAZIE.

    • Purtroppo è impossibile per me dire qualcosa di utile senza conoscere le carte tra cui almeno la sentenza e soprattutto l’atto con cui è stato fatto il trasferimento di azienda. Ti consiglierei di chiedere al tuo avvocato, quello che ti ha seguito sinora.

  52. Salve Avvocato, volevo sapere una cosa…h fatto una vertenza di lavoro per tfr ed altro non pagato…per vie legali abbiamo ottenuto il pignoramento presso terzi della somma dovuta..giorno 19 novembre 2013 fissata l’udienza il giudice ha intimato il mio ex datore di lavoro alla somma di €….subito dopo l’udienza,il mio legale ha subito provveduto a fare tutte le notifiche ma a oggi ancora non ho ricevuto il bonifico…so di certo che la cancelleria del tribunale a dato la disposizione…quanto tempo ha (legalmente parlando) l’istituto di credito (dove sono state pignorate le somme) a farmi il bonifico? La ringrazio in anticipo.

  53. Buonasera! Volevo chiedere un parere… E’ sempre vero che la banca dove sono pignorati i soldi in seguito ad una sentenza favorevole non può pagare tramite bonifico estero? (dove risulta residente la persona che ha vinto la causa, sempre nell’UE)? Ringrazio anticipatamente!

  54. Grazie cmq… :)

  55. buon giorno ho letto un po di suo risposte mi sembra una persona molto brillante e competente..volevo chiederle io ho vinto un processo sul lavoro 1 2 grado e a fine novembre ho vinto l appello,la ditta, che lavora presso l agusta ,mi deve riassumere e dare 40.000 euro,solo che ancora ora non sono stato chiamato il mio avvocato se la prende comoda,avvocato del sindacato,mi dice che e tutto sotto controllo e che se non mi chiamano loro non posso far niente per il rientro volevo un altro parere,e normale che dopo 3 mesi ancora non mi hanno rientregato?e non c e nulla che possa fare io per rientrare velocemente?

  56. ok graie mille arrivederci

  57. Ceciliani Leonardo says:

    Dunque esiste presso la banca d’italia vedere sito una centrale di rischi dove possono accedere Avvocati con procura Legale curatori Fallimentari ecc questa è luna via percorribile per il motivo che la centrale rischi deve fornire tutti i conti o conto corrente Del Creditore.

    • Non credo proprio che funzioni nel modo che dici tu purtroppo.

      • salve cercherò di spigare in breve la mia situazione. dopo aver vinto la mia causa di lavoro e di mobbing la sentenza condanna la società (srl) al pagamento. dopo due mesi dalla sentenza il mio avvocato manda un atto di precetto alla società,seguito subito dopo da pignoramento.risultato l’azienda che nel mentre ha chiuso (subito dopo il mio licenziamento) risulta senza alcun tipo di bene! il mio avvocato vuole procedere con un’istanza fallimentare. ora le mie precise domande sono: quando una srl chiude è obbligata ad effettuare una liquidazione? l’azienda risulta chiusa (in pratica non ha chiuso neanche un giorno)è stata riaperta dal mio ex principale come azienda individuale, avendo una causa aperta,dovrà comunque adempiere al suo debito con me? visto che lui stesso a riaperto il supermercato si sarà accollato oltre ai crediti anche i debiti? quali probabilità avrò chiedendo il fallimento?(ovviamente se lui non ha chiuso nel modo giusto) riuscirò ad avere i miei soldi? Scusi le mie varie domande ma le stesse ovviamente le ho rivolte al mio avv. che continua ancora ad non essere chiaro con le risposte,x questo avrei piacere che almeno lei fosse così gentile nel darmele.grazie mille aspetto e pronta a darle ulteriori informazioni nel caso lei ne abbia bisogno!

  58. Francy says:

    Buon giorno, mio marito ha vinto una causa di lavoro. La sentenza esecutiva obbligava il datore di lavoro a versare la somma di 15000,00 euro. Dopo il versamento di tale somma, il datore di lavoro ha fatto appello. Come funziona questa seconda fase? Nel caso in cui per assurdo, mio marito dovesse perdere l’appello, i soldi relativi agli stipendi non percepiti vanno restituiti? Sono in estrema ansia, spero che lei possa spiegarmi l’iter.

    • La prima cosa che dovresti fare è chiedere spiegazioni al legale che vi ha seguito in primo grado o a quello che avete incaricato per l’appello, se diverso. Spiegarvi con chiarezza cosa succede adesso fa parte dei suoi doveri, siccome lo pagate è giusto che pretendiate il servizio che vi spetta. Comunque sì, grossomodo funziona proprio come hai detto, se dovessi perdere l’appello dovreste restituire quanto avete incassato in esecuzione della sentenza di primo grado.

      • Francy says:

        Grazie per la risposta. Ma su una causa di lavoro, dove il datore di lavoro nega il rapporto di lavoro, ed i testimoni che dovevano essere suoi “alleati” confermano che il rapporto di lavoro c’è stato, su cosa possono appellarsi? E’ questo che non capisco. Devo chiedere all’avvocato che però al momento è fuori.

        • Eh sì ti conviene proprio chiedere a lui io senza conoscere il caso, né il fascicolo, né altro non sono in grado di dirti nulla, solo che il secondo grado è un diritto quindi a volte vengono presentati appelli anche infondati nel merito e si ha la conferma della sentenzi di primo grado.

  59. Salve Avvocato! ho vinto una causa di lavoro a marzo dopo 5 anni, sono passati quasi 2 mesi e non so come funziona adesso, fra quando prenderò i soldi?( mi spettano 4 mensilità come ha detto i giudice) grazie

  60. Ho parlato con il legale che mi ha seguito( anche se devo solo e sempre chiamare io perchè non mi contatta mai su niente) mi dice: ora dipende tutto dal giudice per la notifica ecc.. che per altro non sò proprio che significa e mi dici non vi preoccupate fra qualche mese si vedrà, tutto qui. Ma vi chiedo scusa, il giudice quando conferma che e stata vinta una causa non manda qualche carta al datore di lavoro per comunicargli che ha perso la causa e deve pagare? Purtroppo ho un”avvocato che non e chiaro con il cliente, basta che prende soldi e tutto và bene, credo che sia ingiusto e cmq e troppo tardi per cambiarlo altrimenti passerano altri 5 anni per fare tutto da capo e 6 anni per prendere questi quattro soldi. La ringrazio tanto per avermi risposto. buona giornata

    • Hai ragione, così non si capisce niente, nemmeno io che sono avvocato capisco in che stato si trova la pratica. Al massimo, chiedigli i chiarimenti che desideri via pec per iscritto. Il giudice comunque non fa nessuna notifica, e nemmeno la cancelleria, che si limita a comunicare il dispositivo… Non so se questo possa far suonare qualche campanello… Altrimenti, se il tuo avvocato è bravo e hai fiducia, lascia fare a lui, la materia è molto tecnica e non è che si può onestamente sempre spiegare proprio tutto.

  61. francesco schinocca says:

    oh vinto la causa di lavoro con una grande azienda , al momento del reintegro l’azienda mi fa trovare una nuova contestazione per il 90% uguale alla contestazione con cui sono stato licenziato, sono stato licenziato l’azienda non a ancora provveduto al risarcimento dei stipendi di un anno che il giudice a condannato l’azienda a pagarmi il mio legale a proceduto al precetto ma questi potenti sene sono fregati come avviene il pignoramento? ci sono gli estremi del mobbing o della persecuzione grazie

  62. Maurizio says:

    Gentile avvocato , ho una domanda . Causa civile per mancanza dei requisiti acustici . Vinta in primo grado e anche in appello. Ora l’impresario ha fatto donazione al figlio …, quindi si è spogliato dei beni. Il mio legale poteva gia con sentenza primo grado bloccare tutti i beni e i conti e quindi farci ottenere il risarcimento stabilito dal giudice? Ora mi parla di revocatoria .., ma dice che per farla devo affrontare altra causa in primo grado sempre che poi non ricorra in appello ecc… L’iter attuato è corretto o bastava fare pignoramento al primo grado e ora avremmo già avuto tutti il risarcimento? Corro il rischio di dover sostenere in seguito le spese se l’impresario non pagasse per qualche motivo??
    grazie mille per la risposta spero di essere stato suff. chiaro.
    Maurizio

    • Per poterlo dire, dovrei vedere il fascicolo del procedimento. Se ritieni che valga la pena far controllare l’operato del tuo legale sotto il profilo di eventuali sue negligenze, l’unica strada è far visionare ad un altro avvocato di cui ritieni di poter avere fiducia l’intero fascicolo del procedimento. In generale, la sentenza di primo grado è esecutiva, ma può essere sospesa a seguito di apposito ricorso da parte del giudice di secondo grado, quindi bisogna vedere esattamente cosa è successo. E anche in che termini ne avevate, se ne avevate, parlato a suo tempo.

  63. bartolo says:

    gentile avv.,nel lontano febbraio 2012 sono stato licenziato ingiustamente ho vinto la causa e il datore di lavoro nn solo nn mi ha PAGATO MA NEL FEBBRAIO DEL 2013 MI MANDA UNA LETTERA DI REINTEGRO. NN MI PRESENTO AL LAVORO E FACCIO MALATTIA FINO A NOVEMBRE SOLO ADESSO DOPO AVER FATTO DENUNCIA ANCHE ALL’INPS MI STA PAGANDO QUALCHE MENSILITA’ dichiarando ancora il falso con un cud di 15000 euro. intanto ho fatto ancora ricorso che probabilita’ ho di vincere sono preoccupato e’da due anni che nn sto lavorando ho famiglia

    • Non ho nessuna possibilità di dirti niente sulle probabilità di vincere senza esaminare approfonditamente il tuo caso e la documentazione dello stesso, mi dispiace. Credo che dovresti focalizzarti sull’aiuto che può darti il tuo avvocato attuale, che conosce il tuo caso meglio di qualsiasi altro. Cerca di avere un buon dialogo con lui.

  64. “Nel procedere con l’operazione, valuta solo il rischio fallimento dell’azienda, che se intervenisse potrebbe vanificare la tua azione esecutiva individuale”
    sempre che il falllimento intervenga prima del pignoramento o anche dopo?
    è possibile, che tu sappia, inviare, tramite l’avvocato, ed in presenza del titolo esecutivo, una richiesta a ventaglio per le banche presenti nella regione sulla disponibilità di conti correnti e di credito presso di loro da parte del debitore?

  65. Mia moglie, dipendente di una grossa banca dell’Alto Adige perde in appello una causa contro la stessa. Mia moglie è correntista presso questa banca. Il giudice fissa una somma. Tale somma viene prelevata dalla banca dal conto di mia moglie senza alcun preavviso; la cifra non viene bloccata ma pare prelevata ovvero tolta dalla disponibilità. Dall’estratto conto l’importo è con il segno meno con dicitura “creditori diversi pignoramento di data…”. In base a che titolo la banca agisce in tal senso? E’ sufficiente il pignoramento?

    • Intanto bisogna vedere se c’è stato un pignoramento e in quali termini e a quale fase è giunto. Se un pignoramento non fosse intervenuto, un prelievo di questo genere potrebbe essere legittimato dalle condizioni generali di contratto di deposito bancario che, prevedendo la modalità del «conto corrente», potrebbero legittimare appunto operazioni di questo tipo. Ovviamente, bisognerebbe leggerle. Probabilmente non vale la pena approfondire la questione, ma se proprio volete farlo dovete valutare di acquistare una consulenza da un avvocato.

  66. salve avvocato, a giugno ho vinto una causa di lavoro, ho lavorato nello stesso negozio per 5 anni, i primi tre presso una famiglia, quindi persona fisica, gli ultimi due sempre con la stessa famiglia che però nel frattempo è diventata una srl ho vinto in entrambi i casi, ora però loro ancora non vogliono tirar fuori i soldi, il mio avvocato vuole ricorrere al pignoramento, la mia domanda è: come funziona il pignoramento? quali sono i tempi? e nel caso non avessero nulla di intestato? riuscirò mai ad avere i miei soldi?
    in attesa di sua risposta, la ringrazio anticipatamente.
    cordiali saluti..

  67. Buongiorno avvocato, io ero titolare di una ditta individuale con meno di 15 dipendenti, circa 6 mesi fa, causa giustificato motivo oggettivo per calo di fatturato e riorganizzazione aziendale ho dovuto licenziare alcuni dipendenti. Uno di essi ha impugnato il licenziamento tramite avvocato, (ancora oggi in via extragiudiziale)… nel frattempo la riorganizzazione aziendale in atto ha portato al conferimento della ditta individuale in una società a responsabilità limitata e conseguente cessazione della d.i. A questo punto chi dovrà rispondere di una eventuale vertenza di lavoro da parte dell’ex dipendente verso il suo ex datore di lavoro? L’imprenditore individuale (come persona fisica) che ha dovuto licenziare per calo di fatturato oppure la nuova SRL che si è presa in carico debiti, crediti e procedimenti processuali in corso come risulta da atto di conferimento notarile?

  68. Buongiorno,

    Ho fatto causa all’azienda dove lavoravo perché’ mi hanno assunto per sostituzione di malattia con tanto di nome della persona da sostituire, in realtà’ non l’ho mai sostituita mi hanno fatto sempre fare altro lavoro,durante la causa i testimoni hanno confermato che non ho mai svolto le mansioni del dipendente con diritto di conservazione del posto, inoltre il sostituto rientra dalla malattia ed io continuo a lavorare fino alla scadenza del contratto,ma,ormai la ragione della stipula era venuta meno,appena termina questo contratto per sostituzione l’agenzia interinale mi fa un contratto ex nuovo con altra motivazione per altri sei mesi ma , tra il primo ed il secondo contratto passano solo due giorni un sabato ed una domenica,i testimoni hanno confermato che ho lavorato tutti i sabato senza interruzioni, il ricorso e’stato depositato nel settembre 2010

    Volevo chiedere se mi spetta il contratto a tempo indeterminato e se mi spettano gli arretrati dal deposito fino al giorno della sentenza.

    Grazie
    Cordiali saluti
    Paola

  69. a.cosentino80@yahoo.it says:

    Salve Avvocato, espongo la mia situazione: a seguito di una vertenza sindacale io e i miei ex datori di lavoro siamo giunti ad un accordo verbale che dovremmo formalizzare in sede sindacale a fine mese. Il pagamento del dovuto (da parte loro) dovrebbe avvenire metà entro il 20 dicembre e il resto il prossimo anno. Sono venuta a sapere però da fonti sicure che l’azienda ha intenzione di chiudere i battenti a fine anno. In questo caso come si evolverebbe la cosa e cosa posso fare per tutelarmi al meglio dato che ancora non c’è neanche un verbale firmato? Grazie per il tempo che mi dedica

  70. Salve….volevo capire dopo aver vinto una causa con il mio ex marito passati diversi anni ancora non mi vengono dati i soldi che il giudice ha stabilitopiù le spese legali….al che sento l avvocato dopo anni mi dice che deve verificare cioè andare in tribunale e parlare con il cancellierie….domanda secondo lei è normale dopo una causa vinta passino tutti questi anni? Posso credere che l avvocatosi sia presa i soldi senzar dirmi nulla?ma a chi viene intestato l assegno? Grazie mille

    • Il tribunale non c’entra granché, è un problema probabilmente di esecuzione di un provvedimento che non viene ottemperato spontaneamente da chi dovrebbe. Leggi la scheda, ad es., sul recupero crediti. Comunque è necessario che tu riesca a fare più chiarezza con questo tuo avvocato, non puoi avere dei dubbi del genere. Magari chiedi un incontro e vedi di ottenere una volta per tutte le spiegazioni del caso. Altrimenti, se non ci capisci niente, chiedi il parere di un secondo avvocato.

  71. anna Maria says:

    Salve a tutti io ho lo stesso problema mio marito è stato licenziato dopo dieci anni e l’azienda per dispetto nn ci ha voluto dare i documenti del licenziamento. Siamo stati costretti a rivolgerci ad un avvocato il quale dopo ha effettuato un decreto ingiuntivo dopodiché si è passati al precetto sn state fatte due notifiche e non abbiamo avuto risposte. .. l’azienda è ancora attiva e lavora.. abbiamo pagato un investigazionee il rrisultato è stato che l’azienda nn ha nessun conto aperto allorché abbiamo trovato solo qualche bene a nome dell’azienda ma da verificare se a tutt’oggi sono ancora loro… in pratica abbiamo chiesto aiuto ad uno che lavora ancora li facendoci vedere i bonifici di pagamento dello stipendio. .. e abbiamo riscontrato che lo stesso titolare dell’azienda fa girare i pagamenti dell’azienda a noi creditore. . Come se la seconda azienda fosse un suo debitore. ..ma il titolare è sempre lo stesso. .. ma non possiamo far nulla a lui perché l’azienda è srl… adesso la mia domanda è. .. se facciamo il pignoramento su terzi a questa azienda che fa risultare come debitore di quella che noi siamo in causa… e se loro fanno vedere che non hanno questi debiti nei confronti di quella prima azienda. . E quindi avremo un pignoramento negativo da presentare all ‘ inps …il resto dei soldi poiché l’inps nn ce gli da al 100% ma al 75%… come dobbiamo fare… ma possibile che soldi di nostro diritto nn possiamo averli subito. .. e questo se ne stia appropriando ingiustamente. .. l’azienda è attiva e non fallimentare. ..e sono già passati due anni.. quanti ne dovremo ancora aspettare? ??

Di la tua!