Ho comprato un divano che non passa per la porta

L’altro giorno ho acquistato presso un mobilificio un divano letto del valore di 700 euro. Quando ho stipulato l’ordine avevo versato un anticipo di 200 euro. Al momento della consegna, inclusa per contratto nel costo, si è trovato che il divano non entrava dal portone del palazzo (da quello del mio appartamento ci entrava benissimo!) e quindi sono stati costretti a portarlo indietro. Avevo chiesto quindi di cambiare oggetto, scegliendone uno di valore inferiore ma comunque superiore all’acconto da me versato. Mi è stato detto che comunque avrei dovuto pagare 700 euro, e che la differenza di prezzo mi sarebbe stata data in forma di buoni acquisto. Che fare! Ho diritto al recesso o comunque a pagare solo quello che compro? Vi prego fatemi sapere presto!

Il diritto di recesso relativo a un contratto per l’acquisto di un bene stipulato direttamente in negozio non è ammesso a meno che non sia lo stesso venditore a concederlo.

Sicuramente era un Suo onere verificare che il divano passasse dalla porta del palazzo. Avrebbe dovuto prendere le misure attentamente. Discorso diverso si potrebbe intavolare se il venditore non avesse specificato a dovere le dimensioni del divano traendola in errore. In questo caso ci sarebbero le condizioni per chiedere la risoluzione del contratto e la restituzione dell’anticipo.

Se il contratto stipulato prevede la consegna va onestamente osservato che a impedirne il perfezionamento non è una situzione (porta del palazzo troppo piccola) la cui sussistenza è determinata dal venditore, quindi difficilmente si potrebbe incolpare quest’ultimo.

Per quanto riguarda il discorso dei 700 euro io Le darei un consiglio: prima di mettersi a litigare verificherei che il divano possa eventualmente passare da una finestra (magari del terrazzo) e mi farei aiutare da un’impresa di traslochi o comunque da chi abbia un carrello elevatore. Capisco che questo comporterebbe una piccola spesa in più, ma Le risparmierebbe sicuramente liti, denaro, tempo e quant’altro.

Di la tua!