Come facccio a uscire dallo stato di famiglia del mio compagno?

buongiorno, mi chiamo Carla, ho 26 anni, da Agosto 2008 ho spostato la residenza a casa del mio compagno, ottenendo il trasferimento di residenza ad Ottobre. Per motivi fiscali, di bonus statali, di tasse universitarie necessito che lui non appaia nel mio stato di famiglia ovvero ho bisogno di NON fare carico fiscale con lui. Al mio comune dicono che non è possibile poichè c’è vincolo di affettività. Ho risposto che in altri comuni è possibile e che lo stato non sa se effettivamente c’è affetto tra noi. L’impiegata mi ha risposto che Lei sa che c’è vincolo di affettività e quindi non mi fa lo stato di famiglia separato. Dice che potrei autocertificare ma se ci fosse un controllo lei fornirà uno stato di famiglia unico. Come posso venirne a capo? Come fa l’impiegata a “sapere” che c’è vincolo di affettività? Grazie davvero. Ho provato a leggere tra le vostre risposte ma non ho trovato la soluzione giusta per me!

Sinceramente, non so come l’impiegata faccia a conscere la Sua vita privata e, onestamente, non credo abbia importanza ai fini della residenza o dello stato di famiglia.

Lo stato di famiglia segue la residenza, per cui quello che posso consigliarLe è, al massimo, di chiedere a qualche Sua amica o amico, di “prestarLe” la residenza, nel senso di ottenerla presso un’altra abitazione, ma è chiaro che sarebbe una scomodità.

Ad ogni modo, Le consiglio di recarsi presso un’altra anagrafe per avere una seconda opinione e verificare se esiste la possibilità di ottenere uno stato di famiglia separato, pur avendo la stessa residenza. A quel punto, lo farei presente all’impiegata, facendole presente che è meglio che ottemperi alla Sua richiesta.

Comments

  1. Ti chiedo una domanda semplice: Mio figlio ha la residenza ancora con noi ma non abita con noi perchè dopo una convivenza andata a finire male non è voluto rientrare n casa. Ha avuto una stanza in un appartamento che divide con altri ma ha manenuto la residenza anagraica con noi ed è nello stato di famiglia della nostra famiglia. Questo crea problemi sia a noi che a lui perchè i redditi si accumulano e non può in particolar modo lui chiedere agevolazioni anche sulla assegnazione delle case popolari. Può chiedere di fare stato di famiglia a se pur abitando sotto lo stesso tetto? Noi quando ci siamo spostai lo abbiamo fatto pur abitando con i genitori, ma mi dicono che oggi non è più possibile. E' vero? Ti ringrazio per l'aiuto.

Di la tua!