Posso servirmi delle ricevute per dimostrare di avere pagato il canone?

Salve sono xxx, il mio vecchio proprietario di casa in cui stavo in affitto mi chiede mensilità di affitto arretrate dicendo che non gli sono state versate. io queste mensilità le ho regolarmente pagate con l’unica differenza di averle pagate in contanti e non con bonifico bancario come al solito, lui però mi ha rilasciato le ricevute di pagamento con tanto di marca da bollo che mi ha sempre dato per quei pagamenti. volevo sapere se queste ricevute hanno valore legale e possono dimostrare l’avvenuto pagamento. grazie mille

Qualsiasi mezzo di prova legittimo è concesso a chi deve provare una situazione a suo vantaggio davanti a un giudice. E le quietanze, oltretutto con marca da bollo, sono senz’altro legittime ed efficaci allo scopo.

L’unico appiglio a cui potrebbe agganciarsi il locatore (ma si tratterebbe di una situazione peggiore che arrampicarsi sugli specchi) eventualmente sarebbe quello di asserire che le somme ricevute non hanno causa nel contratto di locazione, ma sarebbe poi costretto a dimostrare a che diverso titolo le avrebbe ricevute. E ciò. ovviamente, sempre nel remoto caso in cui nelle quietanze non ci fosse scritta la causale. Ma anche in questo caso sarebbe evidente la corrispondenza delle somme all’ammontare dei canoni…può stare tranquillo.

Di la tua!