Opere edili abusive

Salve, sono il proprietario di un locale cantinato di circa 225 mq, il mio l’inquilino dello stabile sovrastante, (locale attualmente adibito a palestra) ha senza alcuna autorizzazione creato un’apertura nel solaio e ha messo in comunicazione la palestra e il locale cantinato, poi ha costruito un muro, e si è delimitato uno spazio completamente isolato dal resto del cantinato, creando un locale per il serbatoio dell’acqua in comunicazione con la palestra sovrastante tramite una scala. Gradirei un vostro consiglio su come agire per far ripristinare il tutto come era in origine. Allego una foto dove ho messo in evidenza il muruo che è stato creato. Certo di una vostra sollecita ed esauriente risposta vi ringrazio anticipatamente.

Innanzitutto premetto che occorrerebbero ulteriori informazioni sulla vicenda.

Bisognerebbe intanto chiedere il parere di un geometra per vedere se effettivamente si tratta di abuso edilizio. A quel punto si potrebbe presentare un esposto in comune.

Inoltre Lei scrive parlando di chi sta sopra come di un “inquilino”. Lo dice nel senso che è in affitto da Lei? Oppure è proprietario? O ancora è in affitto da un altro? Se si tratta di conduttore è evidente che non potrebbe certo realizzare queste opere da considerarsi straordinarie senza il consenso del proprietario.

Come vede la vicenda è abbastanza  confusa. Ovviamente per me che la leggo.

Spero di esserLe stato di qualche utilità.

Di la tua!