Cambio destinazione d’uso

Gentili avv.ti se vado a vivere in un locale accatastato C2 senza toccare i muri quindi lasciando tutto inalterato, vado incontro a delle possibili conseguenze sia civili che penali ??  La residenza è possibile prenderla o il comune ha bisogno che la residenza sia presa in un locale tipo A. Inoltre i contratti di luce acqua e eventuale gas non potranno essere fatti come in una civile abitazione. Grazie e saluti.

Nel Suo caso è necessario cambiare la destinazione d’uso dell’ immobile.

Questo è sufficiente laddove non si debbano eseguire interventi edilizi, come nel caso da Lei esposto.

Dovrà pertanto presentare una DIA (denuncia inizio attività) firmata da un tecnico abilitato.

Prima di tutto però verifichi il piano regolatore del comune e, se si tratta di un condominio, che il regolamento condominiale consenta questa possibilità.

Di la tua!