La coinquilina se ne va senza adeguato preavviso. Puo’ farlo?

La tua domanda: Vivo una casa in condivisione con altre tre persone. Il contratto è intestato a me e ad un’altra inquilina ma le altre due sono regolarmente registrate. Una delle due ha deciso di andarsene e ce lo ha annunciato dicendo che ci avrebbe detto a tempo debito esattamente quando. Ieri, sollecitata da una mail che comunicava un aumento nel canone di locazione, ha comunicato che se ne andrà dal 1 Novembre e che ce lo aveva detto (a nessuna delle tre risulta e ad ottobre ha regolarmente pagato l’affitto tramite bonifico). Nell’ultimo mese non ha pagato le spese ed ora afferma che dobbiamo utilizzare la caparra (una mensilità) per pagare le spese e che, anzi, vuole indietro la differenza. In caso contrario non ci ridarà le chiavi. Questo è assurdo in quanto la caparra (inferiore al canone attuale) serve proprio a coprire il mancato preavviso. Cosa possiamo fare? Noi non abbiamo mintenzione di pagare per riavere le nostre chiavi. Possiamo denunciarla? Grazie mille

La disdetta deve essere comunicata al proprietario almeno sei mesi prima del giorno in cui effettivamente si lascerà l’immobile. Così dice la legge.

Tra l’altro la legge richiede la forma della raccomandata a/r per tale comunicazione, proprio per lasciarne una traccia.

Questo significa che, se ho capito bene la situazione, l’inquilina che se ne vuole andare deve continuare a pagare per i prossimi sei mesi spese e canone. In caso contrario il proprietario dovrà rivolgersi a un legale per ottenere quanto dovutogli.

 

Di la tua!