Quando non si riesce a capire se vale la pena o meno agire per l’esecuzione

Dopo circa dieci anni per una causa all’impresa costruttrice (srl) il giudice ha emesso sentenza siamo a maggio 08, condannando al risarcimento (15000) dei danni ed a liquidare le spese legali di 4000 euro. a giugno 08 l’avvocato ci chiede ulteriore denaro per l’esecuzione forzata , a maggio 09 ci comunica che non può procedere esecutivamente senza la probabilità di recuperare almeno le spese in quanto la camera di commercio nn è in grado di fornire informazioni sulla srl in soglimento e liquidazione dal 2002 poichè la srl fu costituita prima della informatizzazione. L’avv. chiede di accettare l’offera della controparte (4000) per chiudere, altrimenti chiederà a noi le sue spese. a noi sembra di essere stati presi in giro e comunque se fino ad ora l’avvocato ha percepito denaro per circa 3000 euro,gli dobbiamo solo altri 1000 o altri 4000 come da sentenza?

Purtroppo, con una conoscenza così superficiale del caso è difficile darti un parere su ciò che è giusto o non è giusto che il tuo avvocato ti chieda e che tu faccia. L’unica cosa che posso dirti  e che mi sembra strano che la camera di commercio non riesca a darti delle informazioni sulla società convenuta in quanto dovrebbe aver censito anche quelle costituite precedentemente l’informatizzazione. Nel caso poi la società sia già chiusa potresti procedere ad una visura storica sempre presso la Camera di commercio. In ultima istanza, se proprio non riuscite a reperire informazioni in questo modo, anche se mi sembra molto strano, potresti sempre rivolgerti ad un investigatore privato che indaghi sulle eventuali sostanze patrimoniali della società convenuta e ti consigli se vale la pena agire o meno. Come vedi i mezzi non mancano.

Di la tua!