Mi investono con l’auto e mi tocca pure pagare!

mio figlio nel 2001 ha subito un’incidente stradale lui era in bici ed è stato travolto da un auto,è stato ricoverato in rianimazione x 7gg,con un enfisema polmonare,5 costole fratturate e cicatrici varie.Nel 2001 incarico un avvocato, per seguire la pratica di rasarcimento,al quale ho detta da subito che il ragazzo era da solo e quindi non vi sono testimoni oculari.Ad ottobre 2009 ho ricevuto una raccomandata dallo studio legale dell’assicurazione dell’auto con la quale mi ha portato a conoscenza che la sentenza di condanna nei miei confronti era stata emessa a gennaio 2006 e deposita a marzo 2006. Posso fare ancora qualcosa? Ci sono responsabiltà da parte del mio avvocato? E’giusto che l’abbia saputo dalla controparte? Il risarcimento ha cui sono stato condannato (420€)+ iva lo devo pagare? Non vi sembra ingiusto che oltre la beffa debba subire anche un danno?

Purtroppo se la causa non è bene istruita, se non ci sono prove nè testimoni puo’ succedere di soccombere ingiustamente.

E’ sicuramente curioso (quantomeno) che una bicicletta danneggi un’automobile, ma in assenza di prove puo’ succedere.

Per quanto riguarda le eventuali responsabilità del Suo avvocato è difficile per me dire se si è comportato professionalmente o meno nell’istruire la causa. Mi risulta tuttavia alquanto strano che in 3 anni non abbia trovato il tempo per informarLa dell’esito della causa. Sicuramente se è andata così l’avvocato è responsabile nei Suoi confronti e può essere segnalato all’ordine di appartenenza.

Per quanto riguarda l’appello, purtroppo, i termini sono scaduti e la somma è da pagare per evitare un’esecuzione nei Suoi confronti.

Comments

  1. domenico says:

    nel ringraziarla della sua risposta le confermo che lui non sapeva della sentenza e me la confermato a voce giustificandosi che noi eravamo i querelanti e che non presentandosi il giudizio non si sarebbe concluso, ma che il querelato è andando in giudizio (cosa che a sua detta non succede mai)

Di la tua!