quando non si vuole più la tutela giudiziaria

Ho stipulato tramite di voi un contratto per la tutela giudiziaria, adesso però ho valutato di non rinnovarla più per il prossimo anno, come devo fare? E’ sufficiente non pagarla e decade automaticamente o devo fare la disdetta?

Tutte le polizze di tutela giudiziaria che consigliamo noi, cioè quelle di Arag, UCA e DAS, prevedono il rinnovo automatico annuale in mancanza di disdetta da parte dell’assicurato entro tre mesi prima della data di scadenza.

Il meccanismo del rinnovo automatico è previsto, di solito, per la comodità dell’utente, che ogni anno non deve stare a fare scartoffie solo per rinnovare la polizza e gli è sufficiente, invece, corrispondere il premio. Le mie tre polizze di tutela giudiziaria, ad esempio, sono a rinnovo automatico e ogni anno appunto mi limito a pagare il premio previsto tramite bonifico. Naturalmente, il meccanismo di rinnovo automatico ha il suo “rovescio” della medaglia, cioè che l’utente, se non vuole più la polizza per l’anno successivo, deve ricordarsi di fare la disdetta per tempo. Ad alcuni clienti, avrei preferito io stesso fare polizze con scadenza annuale e senza rinnovo automatico, però pare che le compagnie non le vogliano fare, perchè per poterle stipulare il mio agente di riferimento deve addirittura chiedere l’autorizzazione della direzione. Quindi, purtroppo o per fortuna, si possono fare solo polizze con rinnovo automatico.

In questo contesto, è bene che l’assicurato si segni subito sul calendario, ogni anno (io ad esempio lo faccio con google calendar, tramite un evento ricorrente), il termine entro il quale deve fare, se non vuole che la sua assicurazione sia rinnovata, la disdetta.

Veniamo adesso alle modalità con cui si può fare la disdetta. Essa non è altro che una semplice lettera con cui l’assicurato comunica che non intende lasciarsi verificare il rinnovo per l’anno successivo. Può essere inviata via raccomandata a ricevuta di ritorno alla sede legale della compagnia assicuratrice oppure via posta elettronica certificata. Per conoscere la sede legale della compagnia, basta guardare la polizza, che obbligatoriamente la deve riportare, o il sito web della compagnia stessa, oppure anche il sito infoimprese.

Che cosa succede se uno non fa la disdetta e non paga il premio per l’anno successivo? Il contratto, come abbiamo detto, si rinnova automaticamente,  quindi la compagnia ha il diritto di pretendere il pagamento del premio e può provvedere anche al recupero del pagamento tramite legale o apposita agenzia.

Concludo dicendo che, naturalmente, noi sconsigliamo nel modo più assoluto di vivere senza una copertura di tutela giudiziaria, ma ognuno ovviamente deve fare le proprie valutazioni.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!