mantenimento di un figlio non ancora nato

Buongiorno innanzitutto e grazie della possibilità di porre una domanda al vostro blog.Entro subito nel dettaglio:frequento da circa due mesi una ragazza alla quale tengo molto e che anche lei per il primo mese risponde con lo stesso entusiasmo..da questo rapporto arriva la notizia di una gravidanza che io accolgo con gioia e lascio intendere di voler assolutamente riconoscere il bimbo/a.proprietario di casa apro le porte pronto ad una convivenza come compagno e padre,ma lei in pochi giorni cambia atteggiamento,parla di alimenti e non sostiene la mia proposta..col cuore a pezzi vi chiedo,oltre al dolore di una famiglia distrutta prima di nascer,potrei vedermi costretto a vendere la casa a seguito della enorme fatica a pagare gli alimenti nel caso lei non voglia convivere?pago un mutuo di 800euro e ne guadagno 1400 mensili.. (Giorgio, via posta elettronica)

Nel caso in cui la vostra storia non vada avanti, dovrai certamente contribuire in base alle Tue sostanze al mantenimento del bambino nato.

La misura e l’importo non posso dirTelo per le ragioni spiegate qui.

Quando alla vendita dell’immobile, beh, non posso sapere se sarai costretto a farlo, in ogni caso mi sento in dovere di rammentarTi che avrai l’obbligo giuridico e morale di mantenere Tuo figlio.

About Antinisca Sammarchi

Avvocato tra Casalecchio di Reno (dove vivo) e Vignola. Convivo e abbiamo la fortuna di avere la compagnia di due splendide gatte europee, Triplette e Mimì.

Di la tua!