Pignoramento in regime di separazione dei beni

Buongiorno. Sarò estremamente sintetico. Coniugi in regime di separazioni dei beni. Uno di essi ( nullatenente) potrebbe essere oggetto di pignoramento mobiliare. I mobili sono presenti nella residenza. Non riuscendo a provare la proprietà il mobilio sarà considerato, di fatto comune,  e quindi pignorato ( nella peggiore delle ipotesi) e messo all’asta ( 50 % pignorato e venduto, 50% al coniuge restante). Determinate è provare la proprietà al coniuge non soggetto a pignoramento. Quale soluzione si può adottare  ?  Cordialità

L’unica soluzione che mi viene in mente è che il coniuge “proprietario” dichiari per iscritto di avere acquistato a pieno titolo i beni potenzialmente pignorabili.

Tale dichiarazione varrà fino a prova contraria. Ovviamente questa soluzione vale solo se il debito per cui si subisce il pignoramento è stato contratto dal debitore singolarmente e non anche dal coniuge.

Comments

  1. E la prova opponibile al terzo di buona fede? Prova che dovrebbe avere data certa?

  2. Sabrina Sambo says:

    E se una cosa del genere succede in regime di comunione dei beni, invece, il coniuge puo' venire pignorato al posto dell'altro coniuge debitore?

Di la tua!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: