L’inerzia del Notaio rispetto all’incarico conferitogli

3 mesi or sono ho lasciato tutti i documenti riguardanti la casa da me acquistata un paio di anni fà, ad uno notaio, su sua richiesta, affinchè li studiasse,e cercasse un modo adeguato per rettificare un errore atavico, a mio danno e di cui non ho colpa, contenuto nei precedenti atti di compravenditacompreso il mio rogito( stipulato presso un altro studio..) Chiamo in media 3 volte a settimana, da ottobre appunto, per poter parlare/ prendere appuntamento col notaio.Ma non è mai disponibile.Il mese scorso ho dovuto recarmi di persona presso il suddetto studio, per prelevare dei documenti che mi sarebbero serviti per altre questioni.Ovviamente il notaio non era disponibile, e ho ancora una volta implorato la segretaria di darmi una data, una qualunque scadenza, affinche io potessi incontrare il notaio, e potessimo cercare la soluzione al mio problema.La segretaria mi ha detto che il notaio doveva chiudere delle questioni obbligate di”fine anno”, e che ! dopo le feste, si sarebbe occupato di me.Le feste sono finite, e ancora mi trovo a fare inseguimenti telefonici( sempre a mie spese ovviamente) per cercare di parlare col notaio.Mi chiedo se ci sia per legge un termine di attesa massimo per queste cose, mi chiedo se anche io non sia un cliente come gli altri, e mi chiedo se è giusto che i miei documenti di casa, tutti, documenti del mutuo, del catasto, delle precedenti compravendite, sanatoria, piantina dell’appartamento, debbano essere requisiti per così tanto tempo.

Purtroppo non ci sono dei termini diversi da quelli pervisti dal buonsenso. In ogni caso se il Professionista continua a non riceverti ed a non adempiere all’incarico che gli hai conferito non ti resta che revocargli l’incarico e rivolgerti ad un’altro professionista.

 

Di la tua!