Risarcimento danni

Franca Massa, da iPhone
http://studiolegalemassa.it

>
> La tua domanda: Mio nipote (minorenne, 16 anni non emancipato) a > fine dicembre ha lavorato presso un pub assieme ad un altro ragazzo > (maggiorenne) in qualità di deejay. Lo ha fatto per guadagnare dei s> oldini (in nero). Il maggiorenne aveva un pc portatile con la musica> che ha trasmesso nel locale e mio nipote innavertitamente ha fatto > cadere del liquore (poco) sulla tastiera. Hanno pulito immediatament> e il PC e per tutta la serata è stato utilizzato. Oggi questa person> a maggiorenne, a quasi 4 mesi di distanza, chiama mio nipote dicendo> che deve sostituire completamente il PC perché non funziona più. Pe> r me, che lavoro nel settore IT, questa storia ha i contorni di una > possibile truffa ai danni di minore perché per esperienza so che, a > meno di molto liquido, un PC non si rovina completamente. C’è la pos> sibilità di riparare la tastiera se un problema sussiste intervenend> o quasi immediatamente. Il ragazzo sostiene (con mio nipote) che non> aveva più acceso il PC in quest!
> ione. Detto che ho intenzione (semmai chiamerà me direttamente) di e> ffettuare una verifica dell’hard disk per verificare l’effettiva ult> ima data di utilizzo e siccome i miei dubbi sono molto forti vorrei > capire se sussistono i motivi per procedere con denuncia e relativo > iter successivo.

Risposta:

Gentile utente, sulla base di quanto da lei esposto posso consigliare di fare una perizia per capire l’entita del danno e se lo stesso e’ stato provocato dalla caduta di liquido. Detto questo suo nipote e’ minorenne e pertanto sono responsabili i suoi genitori per quanto accaduto. Io se fossi in lei cercherei di risolvere la questione pacificamente facendo una offerta della somma che ritiene portino. Quanto al reato di truffa lo stesso si verifica se vi sono artifici e raggiri e attraverso questi si commette il reato. Non mi sembra il suo caso . Naturalmente un esame approfondito del caso potrebbe portare a diverse soluzioni.

About Franca Massa

avvocato, penalista, esperta di diritto di famiglia, amministrazioni di sostegno, contitolare dello studio Solignani-Massa; chi mi ama … mi segua, su twitter naturalmente :-)

Di la tua!