Mi spetta l’indennità di avviamento se non pago due canoni?

Gentile Avvocato, nel 2005 ho ricevuto dal proprietario del locale ove è sita la mia attività di focacceria, l’autorizzazione a effettuare lavori di ristrutturaione e soprattutto importante il consenso a mettere la canna fumaria necessaria per le nuove leggi per l’autorizzazione sanitaria. La spesa da me sostenuta era pari quasi all’apertura di una attività nuova. Nel 2008 ricevo dall’avv. del proprietario disdetta del contratto a data della scadenza del contratto ago 2010. Premetto, e so di essere in difetto, di non aver versato le ultime due mensilità, ed ho chiesto al proprietario di pagarmi l’indennità detraendomi le mensilità mancanti fino al termine del contratto. Il proprietario mi ha rifiutato l’offerta ed io nel frattempo ho chiuso perchè la situazione, visto anche il periodo economico, mi a demoralazzito al punto che sono sotto controllo medico. Cosa mi consiglia di fare? A dimenticavo il proprietario pare che si rifiuti di riconoscermi le 18 mensilità anche se pagassi tutti i canoni fino a scadenza. Grazie

Da quello che posso capire mi sembra che il proprietario abbia chiesto la risoluzione per inadempimento (infatti mi parli di ritardo nel pagamento di un paio di canoni). In questo caso, secondo quanto riportato nell’art. 34 L. 392/78 l’avviamento (rectius l’indennità di avviamento) non è dovuto.

Se mi sbaglio invece ci troviamo di fronte a un semplice diniego di rinnovo del contratto di locazione che, essendo manifestazione di volontà del locatore, da diritto a te di chiedere l’avviamento. Tu hai fatto anche una proposta sensata, vale a dire una compensazione tra indennità e canoni impagati. Se il proprietario rifiuta purtroppo non c’è altra soluzione che adire l’autorità giudiziaria.

Comments

  1. non c'è scritto "ritardo nel pagamento" MA c'è scritto ultime 2 mensilità non versate…..è inadempimento del contratto, no? Emanuele dov'è questa focacceria a vignola ?

Di la tua!