si può revocare il mandato all’avvocato scelto con il patrocinio gratuito?

Vorrei sapere che cosa succede quando viene revocato il mandato all’avvocato usufruendo del gratuito patrocinio. Chi paga in questi casi? C’è un semplice passaggio di consegne al nuovo avvocato oppure si deve rincominciare tutto da capo e rifare cioè la domanda per la riammissione al gratuito patrocinio?

Generalmente, quando si revoca il mandato ad un avvocato che seguiva la pratica con il patrocinio a spese dello Stato, questo avvocato è molto contento, perchè finalmente può farsi liquidare il proprio compenso dallo Stato…

Quindi la risposta è che l’avvocato cui è stato revocato l’incarico viene pagato dallo Stato, in virtù dell’ammissione originaria.

Quanto al nuovo avvocato, vale sempre l’ammissione originaria e non è assolutamente necessario chiedere nuovamente l’ammissione al beneficio, che riguarda un profilo completamente diverso dalla persona del difensore. Attenzione, naturalmente, al fatto che il nuovo avvocato prescelto sia iscritto negli appositi elenchi, altrimenti l’istituto non funziona e alla fine ti tocca pagarlo di tasca tua.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Comments

  1. Ho revocato il mandato all'avvocato perche' dopo 4 mesi dall'incarico non e' riuscito a depositare gli atti in tribunale. Lo Stato paga anche in questi casi? Un altro avvocato mi ha avvisato che il primo a cui avevo affidato l'incarico puo' chiedere di farsi pagare da me per il lavoro svolto. E' vero? Ma l'ho sollevato dall'incarico proprio perche' non svolgeva il lavoro e non riuscivo a capire i motivi del ritardo. Ed e' vero che se una persona ammessa al patrocinio gratuito perde la causa puo' essere condannata a pagare le spese dell'altra parte? Oppure queste cose mi sono state dette per dissuadermi dall'intraprendere la causa?

    • Se perdi la causa puoi essere condannata al rimborso delle spese avversarie, sì.

      Il precedente legale non sarà pagato dallo Stato perchè la causa non era ancora iniziata, a quanto ho capito. Non credo però che possa chiedere denaro a te perchè nel momento in cui un utente viene ammesso al beneficio non gli si possono più chiedere pagamenti. Naturalmente, per avere risposte sicure bisognerebbe conoscere il caso concreto nei suoi dettagli.

      –?cordialmente,

      tiziano solignani, da ? Mac http://ts.solignani.it http://blog.solignani.it

  2. francesco dialetto says:

    Ho affidato incarico di divorzio da giugno 2013 ad oggi non so neppure se e stato depositato ma da 10 telefonate negli ultimi 10 giorni non ho risposta dal mio avv credo che mi stia prendendo in giro ho il gratuito patrocinio cosa devo fare per togliere incarico. fatemi sapere grazie

    • Nel caso del gratuito patrocinio, la revoca del mandato si fa esattamente come in tutti gli altri casi.

      Devi mandare una raccomandata o una posta elettronica certificata a questo avvocato in cui dichiari di revocare il mandato.

      Se cerchi nel blog dovresti trovare anche un modello, oppure basta semplicemente che cerchi con Google o che scrivi ancora più semplicemente che dichiari la revoca del mandato.

  3. Claudia says:

    Se revoco il mandato al difensore dopo essere stato ammesso al patrocinio a spese dello Stato, con procedimento penale ancora in corso, e nomino un nuovo difensore abilitato al patrocinio a spese dello Stato, quest’ultimo, in caso di revoca del benficio, può richiedere la liquidazione dell’attività compiuta anche dal precedente difensore?

  4. Ho deciso di revocare l’incarico al mio avvocato per una causa di lavoro che da luglio 2014 non si è ancora concretizzato in nulla. Sono tenuta al pagamento di qualcosa anche se sino ad ora non ha fatto nulla per me? Mi conviene specificare il motivo della revoca, sulla lettere, o non sono tenuta a farlo?

    • Non sei tenuta a indicare il motivo. Il resto dipende dal lavoro svolto, che per legge va pagato a prescindere dal risultato conseguito, salvo che non aveste pattuito un compenso a percentuale. Ad esempio, potrebbe già avere scritto il ricorso introduttivo.

  5. Ho un avvocato d’ufficio , dopo avermi assistita nella causa sulla custodia di mio e per il mantenimento , non riesco più a rintracciarla da 10 mesi il mio ex non mi da più nulla per nostro figlio minore , in accordo con l’avvocato dovevamo fare denuncia ma a tuttora niente ,gli invio SMS li legge e non mi risponde la chiamo e non risponde e io intanto con solo 200 euro al mese che mi da il comune non so più come fare , posso cambiarlo ???

  6. Scusate sono nuovo mi permetto di inserirmi nella discussione nel dire che a mio parere visto varie documentazioni la sostituzione del rappresentante di difesa con gratuito patrocinio e solo autorizzata dal giudice con La ordinanza n.31 del 24 gennaio-6 febbraio 2007 sulla sostituzione del difensore sotto il vigore della Legge n. 217/90 altrimenti perdi tutti i diritti del patrocinio

    Un abbraccio

  7. filippo says:

    Salve
    Ho deciso di revocare l’incarico al mio avvocato per una causa di lavoro.
    dopo avergli dato 850 euro per le spese vive comme mi ha detto.
    Ora dopo circa 12 mesi dal pagamento , non ho più notizie di questo avvocato non patrocinante.

    Mi chiedevo se ho perso le 850euro, e se posso lo posso denunciare.

  8. in caso di gratuito patrocinio, quando si revoca un avvocato e se ne mette un altro sempre iscritto nell’elenco ecc…se il primo avanza al giudice istanza di liquidazione per l’attività svolta, il giudice emana subito un decreto o gli liquida il compenso in misura ridotta al termine del giudizio con lo stesso decreto con cui lo liquida al nuovo avvocato? e in quest’ultimo caso è lui ad indicare quanto spetta all’uno e quanto all’altro oppure liquida tutto al nuovo avvocato e poi per la ripartizione se la devono tra loro?

  9. Spett.le Avvocato,
    Le scrivo la presente perché vorrei delucidazioni su un fatto increscioso che mi è successo da poco con un legale.
    A novembre scorso sono stata ammessa al patrocinio a spese dello stato mediante un legale che io stessa ho scelto.
    A novembre ha depositato la richiesta del patrocinio, mi ha fatta andare 3 volte al suo studio, ha preparato la bozza del ricorso giudiziario per gli alimenti di mia figlia minore, abbiamo avuto grosse divergenze in seguito a delle incomprensioni comunicative, sono stata trattata peggio di un’imputata…alla fine ho preferito lasciare perdere la causa , lui ha inteso risoluto il mandato che gli avevo conferito, risultato mi ha chiesto una parcella di 1.400 euro e se pagata entro 10 giorni mi avrebbe fatto uno sconto a 760.10. Io da persona onesta ho pagato, ma mi chiedo se era una lecita. Tanto per sapere…..grazie

  10. La ringrazio per la cortese risposta. Era solo un dubbio che mi era rimasto. Ad ogni modo ho pagato e Amen. Grazie ancora e buone feste

  11. Mariarosa says:

    Salve, ho parlato con un avvocato per una causa di mantenimento figlia, doveva essere con patrocinio gratuito, ma per vari motivi non volevo andare avanti con l’avvocato scelto .Non abbiamo pattuito nulla ed ho preso impegno con un altro, sempre gratuito patrocinio. Devo qualche spesa con primo, mi chiede 520€, per alcune telefonate e 2-3 incontri? E giusto che devo pagare?

  12. Fusetti Franca says:

    Salve, ho la problematica del dover sostituire l’avvocato di difesa di mio figlio, che attualmente lo assiste in gratuito patrocinio. Lo dobbiamo sostituire perché ad ora ha fatto solo più danni che altro! Pertanto visto le nostre impossibilità economiche nel dover sostenere una eventuale parcella, vorremmo sapere se fosse possibile poterla sostituire con un altro legale sempre in gratuito patrocinio ed inoltre capire se il primo può avanzare onorari a liquidazione per quanto, anche se mal fatto, eseguito!

  13. Buonasera.
    Ho un procedimento di divorzio pendente dal 2013, dove mi assisteva un avvocato iscritto nelle liste del patrocinio a spese dello stato; ho fatto la domanda per il patrocinio, che mi e’ stata accolta.
    Nel 2014 ho cambiato avvocato.
    Il nuovo avvocato – che non mi ha mai chiesto un soldo – si e’ iscritto nelle liste del patrocinio solo nel gennaio 2016; quindi, se ho capito bene, da questa data in avanti sara’ pagato dallo stato senza necessita’ di un’altra istanza.
    Ma che succede per l’attivita’ svolta dal nuovo avvocato tra il 2014 ed il 2016, quando non era iscritto negli elenchi?
    Paga lo stato o pago io?

    Grazie.
    D.C.

Di la tua!