sono separata con un figlio e vorrei trasferirmi a Parigi posso farlo?

Separata dal mio ex convivente abbiamo un figlio di 6 anni , domiciliato presso me, percepisco un assegno di mantenimento per mio figlio pari a 250 Euro. per 5 anni e più, da queste parti, ho lavorato a destra e sinistra persino al nero per combattere la miseria nella quale viviamo, sono ospite in una casa che non é di mia proprietà, e a malfatica riesco ad andare avanti anche per il fatto di non aver vicino a me dei familiari, senza mezzi di trasporto e nessuno a cui affidare il bimbo quando mi capita un lavoro , sempre al nero e temporaneo.Non vivo in una grande città, le possibilità sono molto limitate, senza contatti. Vorrei offrire una prospettiva di vita migliore a mio figlio ed avere diritto ad un’esistenza più dignitosa. Mio ex compagno ha un lavoro a tempo indeterminato possiede una casa, ha i suoi genitori vicino, e a malfatica da l’assegno di mantenimento, e non parliamo dell’assegno familiare. Insomma sono sola in tutto questo, e sono rimasta perché mio figlio sia sempre in contatto con il padre. Ora, devo lasciare la casa in cui sto. Mi é stata offerta la possibilità di ottenere un lavoro dignitoso a Parigi, parlo quattro lingue, ho molta esperienza e sono una persona di un certo livello culturale. Potrei iniziare a guadagnare da subito 2000 euro, con possibilità di crescita.

Non è una cosa che puoi decidere da sola, devi farti autorizzare dal giudice, tanto più che andresti all’estero.

Devi fare un ricorso in cui dimostri che, per tuo figlio, nonostante siano destinate a diventare molto più rade le frequentazioni con il padre, la sistemazione e la vita sarebbero per lui migliori.

Ne abbiamo parlato tante volte nel blog, fai una ricerca da cerca.solignani.it

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!