al termine della locazione commerciale si può recuperare il valore dei miglioramenti praticati nell’immobile?

Ho affittato un locale commerciale nel dicembre 2010 per aprire un franchising di accessori in localita’ cuorgne’ canavese,dopo un anno utilizzando solo una piccola parte del locale(m.30-totale locale 220)ho mandato la raccomandata per recedere dal contratto di locazione avendo trovato un locale idoneo con meno spese di affitto e condominiali.Quando entrai nel locale dovetti eseguire molti lavori tra cui pavimentazione dell’intero locale e impianto elettrico visto che lo stesso ne era sprovvisto.Ora vorrei gentilmente chiedervi se posso recuperare completamente o parzialmente i costi sostenuti per iniziare la mia attività.

È un aspetto che avreste dovuto regolamentare specificamente nel contratto, o comunque per accordi successivi con il proprietario. È vero, da un lato, che il locatore è tenuto a consegnare una cosa «idonea all’uso cui è destinata», ma bisogna, ancora una volta, vedere cosa prevede il contratto sul punto, e cioè se l’uso era stato specificamente indicato o meno. In alcuni contratti di locazione, poi, il conduttore non ha la facoltà di fare nessun lavoro e se viola questo divieto deve provvedere a sue spese alla riduzione in pristino prima della riconsegna al proprietario. Conviene che tu chieda una consulenza ad un legale, facendogli esaminare il contratto.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!