“La fata aspettò qualche istante, poi continuò: «Guarda…

“La fata aspettò qualche istante, poi continuò: «Guarda dentro te stesso. Che cos'è che ti fa paura?»
La fata aveva di nuovo indovinato! Andre aveva paura di qualcosa, e quel qualcosa lo bloccava. Ecco perché non riusciva più a sentire il vento, e nemmeno ad ascoltare se stesso.
Il principino divenne serio e iniziò a pensare.
Ma più pensava e meno ci capiva. Che cos'era, che cos'era quello che lo spaventava? Qualcosa doveva pur esserci…
La fata attendeva tranquilla, senza dire nulla. Aveva iniziato anche a riavviarsi i capelli.
Ad un certo punto, il principino sembrò smettere di pensare: raccolse un ramoscello e iniziò a vergare alcuni cerchi sul terreno, con la testa abbassata.
Dopo qualche minuto che disegnava, Andre disse, come ipnotizzato, senza alzare il capo: «Ho paura di non essere più libero. Ho paura di dover appartenere a qualcuno»
La fata allora sorrise, con la bocca e tutti gli occhi, e disse: «Piccolo mio, ma non lo sai che per essere felici tutto ciò che bisogna fare è proprio appartenere a qualcuno?»”

Estratto di: Solignani, Tiziano. “9 storie mai raccontate.” Narcissus Self Publishing, 2012-11-29. iBooks.
Il materiale potrebbe essere protetto da copyright.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: