Come gestire la casa in comune ora che mi separo?

ho intenzione di separarmi da mio marito e, al di là degli aspetti legati strettamente alla separazione, non so come fare con la casa.
Abbiamo acquistato l’immobile dove viviamo nel 2008, con un mutuo di 150 mila euro per 30 anni rata fissa e taso variabilie. Il mutuo è intestato a mio marito così come l’intera proprietà dell’appartamento. Io sono il garante del mutuo e pago mensilmente la mia quota, poichè ci siamo divisi l’onere, pur non essendo a me cointestato il mutuo. (effettuo un bonifico ogni mese a favore di mio marito). Come si risolve il problema del pagamento mensile della rata nel caso io decida di andare a vivere in affitto da un’altra parte (ammesso che mi convenga)? e come si risolve il problema del garante nei confronti della banca? siamo sposati dal 2009 e siamo in regime di separazione dei beni.

Se non avete figli che possano determinare un provvedimento di assegnazione della casa coniugale, il problema si può risolvere solo, a mio giudizio, tramite un approccio negoziale. Da questo punto di vista, bisognerebbe capire qual’è il «clima» che c’è tra voi due e quali sono, di conseguenza, le possibilità di una soluzione consensuale o meno. Se vi fossero buone possibilità di una separazione appunto consensuale, pur non facendo le questioni patrimoniali parte in senso stretto, come hai giustamente intuito, della materia, in quella occasione potrete regolare la questione adottando la soluzione che preferite.
Di solito in questi casi le possibilità sono diverse: o un coniuge acquista la metà di proprietà dell’altro, operazione che peraltro si può fare solo dopo l’omologa in caso di consensuale se i coniugi sono in regime di comunione dei beni, oppure si vende ad un terzo e si divide il ricavato. Naturalmente, i rapporti con la banca che ha concesso il mutuo andranno regolati a parte, l’istituto di credito non ha nessun obbligo di tener conto della vostra separazione. Se tu volessi mai essere liberata come garante, occorrerebbe sempre il consenso della banca, che la banca immagino presterebbe solo presentandogli nuove ed ulteriori garanzie. È comunque anche questo un aspetto da vedere con un approccio negoziale, l’unico praticabile.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!