La mia ex moglie ha diritto di sapere dove lavoro?

ho cambiato lavoro da poco e la mia ex moglie pretende di sapere dove lavoro e mi vuole portare in tribunale..abbiamo un bambino di 6 anni e siamo separati dal 2009,l’anno scorso siamo andati in tribunale per accordarci per il bambino..io per lavoro torno a casa ogni week end e da accordi devo averlo 2 week end consecutivi e uno lei..sono obbligato a dirgli dove lavoro??se lei non mi chiede il consenso di qualsiasi cosa e poi pretende dei soldi,io cosa devo fare??ultima domanda:anni fa prese multe per un totale di 800€ ma la macchina era intestata a me,ora non vuole pagare le multe,come faccio???il mio avvocato ha detto di pagarle e poi faremo il ricorso e pignorano i soldi sul suo conto corrente e se lei toglie i soldi dal conto come faccio?

Come ti dicevo anche tramite il gruppo «avvocati dal volto umano» su facebook, la tua ex moglie non ha lo stretto diritto di sapere dove lavori, a meno che ciò non sia essenziale o anche solo opportuno per la gestione di vostro figlio. Ovviamente, a seconda della vostra situazione particolare, potrebbe anche esserlo, quindi devi valutare con cura l’atteggiamento che devi assumere sul punto.

Per quanto riguarda le multe, non puoi che pagarle intanto perché allo Stato non interessa assolutamente nulla chi fosse alla guida. Dopo aver pagato, dovresti poi fare rivalsa sulla tua ex moglie, ma in questa eventuale causa dovresti dimostrare, per ognuna di esse, che quel giorno era lei alla guida e non tu, prova che secondo me è molto difficile da dare se non impossibile, ragione per cui credo che ti convenga pagarle e basta e che se tu facessi la causa per rivalsa rischieresti fortemente di sprecare altri soldi.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!

CHIUDI
CLOSE