Se vengo assolto può esserci un nuovo processo?

Alcuni anni fa sono stato fermato in un’agenzia di scommesse e denunciato come organizzatore di gioco.
Premesso che ero lì soltanto per trovare il gestore ( in quanto cognato adesso ex ). Pensavo che la cosa morisse lì , invece sono stato convocato in giudizio per e ho dovuto assumere un avvocato.
Essendo tale vuoto legislativo sanato con una legge che permetteva l’apertura di tali centri, ed essendo il titolare stato assolto dalla stessa denuncia, il giudice mi ha assolto senza approf. la questione e senza nemmeno chiamare i testimoni. Gli è bastato conoscere ciò che ho già descritto.
dieci giorni fa mi chiama l’avv. che aveva curato questo ” processo” dicendo che le era pervenuta una lettera di comparizione assieme ai testimoni non chiamati al 1° processo . E’ possibile ciò ?
Posso essere giudicato una 2° volta? e ripagare ( adesso milleeduecento euro) per spiegare che sono gia stato assolto non ho diritto ad un risarcimento?

Penso semplicemente che la procura abbia presentato appello contro la sentenza di assoluzione e quindi tu debba presentarti a svolgere il procedimento in corte d’appello.

Comunque, è preferibile che tu ti procuri copia dei documenti ricevuti dal tuo avvocato, che probabilmente non sono una «lettera» ma un decreto di citazione a giudizio in appello.

Ovviamente, la cosa è possibilissima e prevista dal codice di procedura penale.

Se così stanno le cose, devi procurarti un avvocato e definire insieme a lui la strategia difensiva migliore: il processo è ancora aperto, purtroppo.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!