Se mi bloccano la carta di credito posso bloccare a mia volta il RID mensile?

Posseggo da diversi anni una carta Visa Consel con limite da oltre 3000,00€. Regolarmente mensilmente pagata con RID.
Senza alcun preavviso mi trovo la carta bloccata. Dopo aver telefonato all’assistenza clienti , mi riferiscono che la carta è stata bloccata perché risultano insoluti con altro istituto di credito , che dopo il saldo avverrà lo sblocco.
Possono farlo, è regolare questa procedura, come devo comportarmi, devo annullare il Rid fino allo sblocco?

Per poterlo dire con certezza, occorrerebbe vedere le condizioni contrattuali, che tuttavia facilmente contengono una clausola che prevede che in caso di insoluti, anche con altri soggetti, il servizio di pagamento possa essere sospeso.

Si potrebbe disquisire a lungo sulla validità di questa clausola e, anche a prescindere da questo, sulla regola e nozione di buona fede nell’esecuzione del contratto, ma probabilmente credo che alla fine il diritto sarebbe a favore dell’istituto di credito. È un approfondimento che si potrebbe fare, insomma, ma non credo che ne varrebbe la pena, onestamente.

Quanto al blocco del RID, non credo che in un caso come questo sia praticabile l’eccezione di inadempimento: non pagando le spese che hai già effettuato non cagioni un danno all’istituto di credito o alla società di gestione della carta ma ai fornitori dei beni o servizi che hai acquistato con la carta. Insomma, si tratta sicuramente di un rapporto plurilaterale in cui la praticabilità del principio inademplenti non est adimplendum è tutta da valutare e anche qui, onestamente, poco probabile.

Direi che l’atteggiamento più consigliabile sia quello negoziale.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!