Quali condizioni possiamo mettere in consensuale riguardo le vacanze all’estero dei figli?

sono una mamma in procinto di separazione spero consensuale.
Mio marito si è fatto traferire all’estero dalla stessa banca pur avendo il lavoro a Roma.
Detto questo vorrebbe portare qualche volta con se i bimbi minori 3 e 7 anni all’estero .
é possibile farlo senza autorizzazione per vacanze o altro o l’autorizzazione deve o puo’ essere data nell’accordo una volta per sempre o di volta in volta?

È una domanda che non ha il minimo senso se non spieghi anche che cosa sarebbe, a tuo giudizio, meglio per te e i tuoi bambini.

La legge non è fatta di principi astratti da applicarsi e valutarsi a prescindere dalle situazioni concrete, ma bisogna sempre partire proprio dalle situazioni concrete per capire quali sono le disposizioni più adatte ad essere loro applicate.

Dalla riga iniziale, capisco che sono ancora in corso le trattative per la definizione della crisi familiare in modo consensuale, cosa che anche io ti esorto a fare perché una soluzione basata su un accordo, per quante rinunce tu possa fare, è sempre di gran lunga preferibile ad una giudiziale.

Sul tema specifico, posso solo dire, visto che non mi hai fornito le informazioni necessarie per capire la situazione, che la cosa migliore sarebbe naturalmente quella di definire anche le condizioni al riguardo nella cornice consensuale che state cercando di costruire. al riguardo di solito c’è massima elasticità ma in caso di dubbi parlatene con il vostro avvocato di riferimento.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!