Come posso gestire mio padre oramai incapace di intendere e di volere?

Ho dovuto portare qui mio padre di 91 anni perché è completamente partito con la testa….lassù è rimasta la casa con un po’ di terreno della quale non posso fare assolutamente niente,visto che è ancora intestata a mio padre.Dal momento che mi servirebbero dei soldi,che non ho,per prendere una donna ogni tanto,quando,per esempio,devo accompagnare mio marito all’ospedale perché ha un tumore (non ci facciamo mancare niente). Mi chiedevo se ci fosse qualche possibilità di potermi intestare la casa e venderla,visto che in questo momento mi servono più i soldi di una seconda casa dove non potrò mai andare.

Per fare quello che ti serve, bisogna fare una trafila piuttosto lunga.

Bisogna innanzitutto fare un ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno a tuo padre.

L’amministratore potresti anche essere tu stessa, ovviamente, per contenere i costi.

Una volta nominato, l’amministratore di sostegno può chiedere al tribunale l’autorizzazione a vendere la casa e destinare il ricavato a beneficio dell’amministrato.

Purtroppo, direi che per tutta questa attività ti serve un avvocato, anche se forse il ricorso per la nomina di ads si può fare anche senza: puoi sentire al riguardo dalla cancelleria civile.

Anche se poi non è comunque facile gestire un ricorso del genere senza un legale, basti pensare alle notifiche che ci sono da fare.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!