Cosa posso fare se mio marito da quando ci siamo trasformati in coinquilini mi spia?

Sono separata…. avendo la casa…. di comune proprietà …..molto grande… abbiamo deciso di convivere sotto lo stesso tetto……naturalmente con molte problematiche, mio marito pensa che vado a curiosare nelle sue cose…. per questo motivo ha deciso di mettere una telecamera nella sua camera da letto…..questo è un suo diritto…ma non penso sia suo diritto mettere una telecamera nel corridoio in comune della zona notte…..cosa posso fare.

La vostra situazione è piuttosto comune ultimamente e ho fatto diverse separazioni in cui i coniugi si trasformano da conviventi in coinquilini, per ragioni economiche, specialmente quando la casa è piuttosto grande e ha rappresentato un investimento consistente per la famiglia.

Purtroppo, se i presupposti di base di questa decisione sono anche sensati, il protrarsi del contatto quotidiano tra i coniugi richiede una civiltà, una serenità e una buona educazione che nessuna della coppie che ho seguito o di cui ho saputo altrimenti ha mostrato di avere e questo per evidenti ragioni che non è nemmeno il caso di stare a spiegare: nessuno si separa senza un po’ di risentimento.

Questo giochino che state facendo delle telecamere è assolutamente nel solco di quello che dicevo nel paragrafo precedente.

È ovvio che non c’è una soluzione «giuridica» classica ad una cosa di questo genere, non puoi mica fare intervenire il Garante della privacy…

Quello che ti suggerirei è di rivalutare la tua decisione, da sola o insieme a tuo marito, e vedere se questa coabitazione sia davvero sostenibile o meno.

Se deciderete di continuarla, dovrete andare tutte le settimane a fare una seduta da un mediatore familiare, in cui parlare di questo e di tutti gli altri problemi.

Se, invece, individuerete soluzioni diverse, che prevedano l’uscita di uno di voi due dalla casa, sarà necessario presentare un ricorso per modifica condizioni.

About Tiziano Solignani

L’uomo che sussurrava ai cavilli… Cassazionista, iscritto all’ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l’altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un’ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!