Sentenza che tarda: come si può velocizzare?

Se possibile avrei una domanda veloce riguardo i tempi per avere la sentenza di una causa civile.
Ben 10 anni fa sono stato truffato da alcune persone che dovevano costruire delle villette, e non l’hanno piu’ fatto, ovviamente tenendosi i soldi che avevo dato loro.
Dopo appunto quasi 10 anni si lentissimo progresso, la causa civile e’ finalmente arrivata al punto che il giudice (Tribunale di Taranto) si e’ riservato la decisione finale.
L’avvocato mi ha detto che a questo punto ai sensi dell’art. 190 c.p.c. le parti hanno la facoltà di depositare note conclusive entro i successivi 60 gg. e note di replica nei successivi 20 gg. Dopo tale termine complessivo di 80 gg. il Giudice potrà emettere la sentenza.
Ebbene, questo totale di 80 giorni e’ passato una decina di giorni fa. Potrebbe consigliarmi cosa posso fare se non vedo emettere la sentenza ?

Non puoi fare niente per avere prima la sentenza, puoi solo chiedere, in relazione all’intero procedimento, l’equa riparazione.

Il codice di procedura civile prevede un termine per il giudice per emettere la sentenza dopo che le parti si sono scambiate le memorie conclusionali, cioè la comparsa e le eventuali repliche.

Ma si tratta di un termine per la cui violazione non è prevista alcuna sanzione. Un famoso studioso del processo italiano, Redenti, diceva a proposito di questo termini che, accanto alla distinzione tra termini perentori e ordinatori, occorrerebbe introdurre la categoria dei termini «canzonatori», proprio perché sono una presa in giro.

Solo nei casi di ritardi estremi nel deposito della sentenza, a partire da almeno 4 o 5 anni, si può pensare di fare, ad esempio, un esposto al Consiglio Superiore della Magistratura, cosa che peraltro può condurre, in caso di accoglimento, all’applicazione di una sanzione disciplinare in capo al magistrato, ma comunque non direttamente all’emissione della sentenza.

C’è da dire anche, a voler essere oggettivi, che il carico di lavoro dei magistrati è davvero imponente e spesso molti ritardi non sono affatto biasimevoli, perché è umanamente impossibile per un giudice che ha tantissimi fascicoli fare prima ad emettere le sentenze. Purtroppo, non è a colpi di legislazione che si possono risolvere i problemi di efficienza del lavoro!

Altrimenti basterebbe fare una legge per cui tutti dovrebbero consegnare le cose in tempo, ma è chiaro che una legge del genere non servirebbe a niente…

Io credo che non ti rimanga che aspettare, come fanno tutti.

Una volta che sarà stata depositata la sentenza, e non solo per il ritardo nella pubblicazione della stessa, ma per la durata complessiva del processo potrai depositare un ricorso per equa riparazione. Se vuoi un preventivo per questo tipo di ricorso, puoi compilare il modulo apposito.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!