CTU causa di divisione: può non andare in loco?

Ho ereditato con 3 sorelle,immobili per valore € 4.000.000,-

Si tratta di proprietà indivisibili e non omogenee come valore.

Ho rifiutato proposta bonaria di divisione delle 3 sorelle perchè l’ho ritenuta non omogenea e ho lanciato causa per divisione giudiziaria.

L’unico immobile che vale in questo a è Villa in Sardegna,le sorelle non vorrebbero vendere ma non hanno liquidità per comprare la mia quota di circa € 300.000,-

La proposta bonaria delle sorelle consisteva nel liquidare la mia quota di Villa in Sardegna con immobili di scarso valore,inabitabili e di difficile realizzazione.

Per questa ragione ho iniziato causa per vendita giudiziale.

CTU e CTP hanno visitato tutte le proprietà in Veneto da pochi giorni.

Ma la CTU per “per paura di non rientrare con le spese”ha optato per NON andare in Sardegna.

il valore della villa è € 2.500.000,-/3.000.000,- mia quota 16,6%.

può CTU rifiutarsi di andare in Sardegna a valutare l’oggetto che più vale in questo asse ereditario?

È una valutazione discrezionale che può fare il CTU, ovviamente sotto il controllo del magistrato cui è assegnato il procedimento.

Il discorso del CTU probabilmente è stato quello di cercare di fare un accertamento tecnico senza far esplodere i costi, per riguardo nei vostri confronti.

Come parti, infatti, le maggiori spese sarebbero a vostro carico.

Per contro, il valore di un immobile si può valutare, anche se sicuramente con una maggior approssimazione, senza bisogno di recarsi in loco a visitarlo, ma consultando le informazioni documentali ed acquisendo informazioni sullo stato del mercato in loco ovvero, ulteriormente, appoggiandosi ad un tecnico della zona.

Non so quale procedimento abbia seguito il CTU incaricato dal giudice, è certo che la sua valutazione dovrà comunque essere accurata.

Qualora pensaste che un accesso in loco da parte del CTU fosse indispensabile o altamente opportuno, potreste fare una istanza al CTU stesso e soprattutto al giudice di prevedere questo accesso, dando contemporaneamente la disponibilità a sostenere i maggiori oneri economici che ne deriverebbero.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!