Pago 500€ per due figli e faccio l’operaio: non è troppo alto?

Sono in fase di separazione, ho due figlie di 8/13 anni.Da un anno vivo in una casa in affitto lontano dal paese dove vivevo fino alla separazione circa 20 km.Un primo accordo non firmato mi vedeva debitore su base standard di 500 euro + extra visto che guardando circa 1500 euro.Sono turnista in fabbrica e soggetto a cassa integrazione e contratti di solidarietà, per cui il mio stipendio appunto dipende dalla mole di lavoro svolto.La permanenza delle bambine presso la mia abitazione è non inferiore a 15gg, tempo doppio rispetto all’accordo e quindi ragione della mia non firma.Durante questo anno appunto essendomi spostato fuori città le spese sono aumentate in funzione dei km fatti, risparmio di casa ma spendo triplo per costi auto, le bambine vivono da me per il periodo menzionato suddiviso per i turni che svolgo.Durante lo stesso anno ho conosciuto avvocati e un ex giudice minorile i quali mi dicono che la cifra è errata rispetto ai tempi di permanenza massimo 250.Posso ricorrere?

Il caso purtroppo non è descritto con la chiarezza necessaria per poter dare delle indicazioni valide.

Ricorrere esattamente a che cosa? E «in fase di separazione» che cosa significherebbe in particolare? Parli di un «primo accordo non firmato» e non si capisce davvero che cosa sia accaduto nel tuo caso e quale sia la situazione attuale. Può darsi che ci siano solo trattative, nel corso delle quali stai facendo degli adempimenti spontanei, che sia stata conclusa una separazione consensuale, che ci sia stata una separazione giudiziale dopo una prima proposta di bozza non sottoscritta dai coniugi, che ci sia una separazione giudiziale tout court e, in questo ultimo caso, bisognerebbe ulteriormente capire in quale fase ci si trovi.

Capire esattamente la situazione in cui si versa è fondamentale per poter passare in rassegna i tipi di rimedi o impugnazioni che si possono praticare per la situazione medesima.

Tanto per fare un esempio, se hai sottoscritto un verbale di separazione consensuale e sono passati, putacaso, tre mesi, è estremamente improbabile che tu possa ottenere una modifica condizioni in assenza di forti elementi di novità rispetto al quadro esistente al momento in cui la separazione è stata consensualizzata. Leggermente diverso il caso in cui la separazione è giudiziale, e le condizioni sono state dettate, sempre ad esempio, dal giudice, ma anche qui bisogna capire se parliamo dei provvedimenti presidenziali, se istruttore è un altro giudice o lo stesso presidente, quanto tempo è passato dalla definizione precedente e così via.

Insomma, così non si può proprio ragionare né tantomeno abbozzare una strategia valida.

Già impugnare una situazione tentando di cambiarla e volgerla a proprio vantaggio è un affare delicato e da condurre con la massima attenzione anche avendo tutte le informazioni disponibili, quando poi se ne parla solo in generale, astraendo completamente dalla situazione in cui ci si trova, è davvero inutile e insensato.

Si possono, dunque, fare solo delle considerazioni di portata generale.

Il primo consiglio è quello di richiedere queste informazioni al tuo attuale avvocato, che conosce il tuo caso meglio di chiunque altro e può darti un primo parere di sicuro valore, anche se magari non condivisibile è comunque una indicazione utile. Qualora non fossi soddisfatto dell’opinione del tuo legale al riguardo, potresti sempre richiedere un secondo parere ad un altro legale, ma in quel caso dovrai metterlo in grado di capire bene come stanno le cose, dandogli copia del fascicolo e, se possibile, facendolo anche interloquire col primo legale.

La seconda considerazione che ti posso fare è che la valutazione degli importi dei mantenimenti, nelle situazioni di famiglia, non è mai algebrica o strettamente matematica ma equitativa. Non ci sono criteri di riferimenti precisi al riguardo, non vedo come possano dei giuristi come quelli da te interpellati stabilire con tale sicurezza che l’importo da te corrisposto è troppo alto, a mio modo di vedere si possono al riguardo stabilire solo delle valutazioni di massima, senza mai essere tranchant proprio perché non si tratta affatto di inserire dei dati in un computer che poi manderà fuori il risultato.

Alla luce di tutto questo, in conclusione, quello che ti consiglierei è di interpellare bene il tuo legale attuale al riguardo, qualora la sua opinione non fosse soddisfacente valutare di investire un po’ di soldi per un secondo parere – considera che ci vorranno almeno un paio di ore di lavoro – di un altro avvocato specializzato in diritto di famiglia e soprattutto con un po’ di sale in zucca.

A parte questo, un consiglio che è sempre valido e potrebbe essere utile anche nel tuo caso sarebbe quello di invitare la tua ex moglie ad un percorso di mediazione familiare in cui tutte queste tematiche potrebbero essere affrontate con un approccio negoziale che in casi come questi potrebbe dare eccellenti risultati.

About Tiziano Solignani

L’uomo che sussurrava ai cavilli… Cassazionista, iscritto all’ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l’altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un’ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Comments

  1. giancarlo says:

    Buongiorno avvocato, vorrei sottoporre alla sua attenzione un problema anomalo. Circa dieci anni fa ci siamo staccati dal riscaldamento centralizzato,facendo una transazione con il condominio in assemblea perchè per anni non ha funzionato a dovere ed una perizia dimostrava che il costo per sistemarlo era troppo oneroso.Oggi vi sono da fare lavori costosi all’impianto e noi siamo quelli che dovremmo pagare di più ,siccome che ho mantenuto , pagando sempre , la proprietà ,posso richiedere all assemblea di riattacarmi all’ mpianto centralizzato.ripristinando il tutto affinche funzioni considerando che , oggi, con i contabilizzatori obligatori le mie spese con il centralizzato sarebbero molto minori( sono all’ultimo piano) Grazie cordiali saluti Giancarlo

Di la tua!