Amazfit Bip: l’indossabile per il post pebble?

Oggi torno a parlare di smartwatch anzi, più generalmente di, «indossabili» (wearables) cioè oggetti di tecnologia appunto che si possono portare addosso e quindi sono tipicamente orologi ma anche fasce fitness.

In questo post piuttosto approfondito, dove spiego meglio anche l’utilità di oggetti come questi, sostenevo che la soluzione migliore a riguardo fosse ancora, nonostante tutto, pebble, da acquistare su Amazon o sul mercato dell’usato.

Oggi pebble tuttavia si sta avviando sempre più verso il programmato spegnimento. Fitbit, proprietaria del marchio e delle tecnologie, ha già annunciato che a breve verranno terminate alcune funzionalità che si basano sui server, come il riconoscimento vocale per le risposte da dare ai messaggi.

A queste circostanze generali, o di sistema, si è aggiunto il fatto che il mio amato pebble 2 HR ha smesso di funzionare bene, iniziando a perdere spesso la connessione bluetooth, con la conseguenza che ho dovuto pensionarlo.

Avendo venduto ad un amico gli altri due modelli di pebble che avevo, mi sono ritrovato senza uno smartwatch, al quale tuttavia ormai sono abituato, perché fa «sistema» col mio modo di utilizzare il cellulare – che di solito tengo in modalità silenziosa, ricevendo le notifiche, anche delle chiamate, sul polso, senza disturbare così nessuno.

Nessuno che li abbia provati davvero può avere idea di che zavagli indegni siano gli smartwatch con Android Wear, ora ribattezzato Wear OS. Si tratta di dispositivi che, se non saranno completamente riprogettati dalle basi, sono destinati a essere completamente inutili per un minimo di uso nella vita di tutti i giorni, almeno a mio modo di vedere. Roba da buttare.

Scartata dunque questa indegna classe di prodotti, ho deciso di provare Samsung, prendendo un gear frontier S3. Si tratta innanzitutto di un orologio molto bello e «maschile», non privo di una certa ingegnosità, con il sistema della ghiera che ruota per offrire alcune funzionalità di consultazione sia a sinistra che a destra. Purtroppo però non è ancora il prodotto azzeccato per un uso al polso nella vita di tutti i giorni.

I softwares a disposizione sono troppo pochi, le notifiche non sono ben gestibili e soprattutto visibili. Il funzionamento generale a mio giudizio non è ancora abbastanza fluido. Alla fine l’ho restituito e generalmente devo dire che lo sconsiglio anche perché non costa mica poco, però ci sono persone che sono soddisfatte in giro e posso anche capirli, quindi non scartatelo a priori ma valutatelo, non è certo un prodotto assurdo come gli smartwatch Wear OS, ma un prodotto con una sua dignità ed ingegnerizzazione, bisogna solo vedere se può rispondere a quello che volete voi da un indossabile.

Ad ogni modo, il wearable su cui ho ripiegato in seguito, per il mio «post pebble», è Amazfit Bip.

E mi ci sto trovando sorprendentemente bene…

Non è proprio uno smartwatch, ma un wearable che si colloca a metà tra uno smartwatch e una fascia fitness, assommando un po’ le funzioni dell’uno e dell’altro, anche se probabilmente più sbilanciato a favore della seconda.

Non ci si possono installare applicazioni, come avveniva sul pebble (che aveva un parco software incredibile, c’era persino un client per i sistemi Bose SoundTouch), quindi fa solo quello che è offerto dal suo firmware – aggiornato due volte da quando ce l’ho. Da questo punto di vista, è dunque fascia fitness.

Ma ha due punti di forza fortissimi a mio giudizio:

  • costa pochissimo: meno di 100€;
  • la batteria dura tantissimo: fino a 45 giorni!

Da quando mi è arrivato, in effetti, l’ho indossato con la carica della batteria di «fabbrica» (circa il 50%) e, dopo una settimana, non l’ho ancora ricaricato! Non mi era mai successa una cosa del genere, con nessun oggetto di tecnologia da me acquistato.

Con una batteria così eccezionale (l’espressione è impropria, la batteria è probabilmente una delle solite, quello che è stato ottimizzato è il suo utilizzo), si può ricaricare il Bip anche una volta al mese, scordandoci quindi di portarlo al polso, anche perché è molto leggero, non è certo come il Samsung o altri orologi, è più piccolo anche del pebble – anche in questo è più fascia fitness.

Potendolo portare sempre, si può effettuare finalmente un monitoraggio del sonno.

Personalmente lo porto anche sotto la doccia, in realtà non lo tolgo quasi mai. L’uso sotto la doccia è espressamente sconsigliato dal produttore, nonostante il Bip sia impermeabile, anche se al momento non ho incontrato problemi. Per nuotare, tuttavia, penso che lo toglierei.

Pur non potendosi installare applicazioni sul Bip, esistono applicazioni di controllo per Android che sono molto interessanti e consentono in diversi modi di estenderne le funzionalità, come ad esempio Amazfit Tools, che consente di valorizzare moltissimo l’unico pulsante presente sul Bip, per poter gestire ad esempio la musica, con un sistema complementi configurabile basato sul numero di pressioni consecutive del tasto (es. 2 pressioni pausa, 3 pressioni prossima traccia, 4 pressioni traccia precedente) e addirittura la possibilità ulteriore di cambiare profili di configurazione dell’unico pulsante, per passare dal profilo, ad esempio, di comando della musica ad un altro profilo in cui mettere altri comandi azionabili tramite il pulsante, tra cui anche procedure di Tasker, una celebre utility di automazione per Android.

Bip è simpaticissimo, insomma, perché quel poco che fa lo fa in maniera eccezionale. C’è già una comunità abbastanza nutrita di utenti e sviluppatori che ha trovato modi per fargli fare sempre più cose e sono disponibili diversi accessori come cinturini, casse colorate e così via, tanto che è probabile che si affermi come indossabile più trendy del momento.

Ha persino il GPS… Incredibile che in un oggetto che costa così poco sia presente, ma soprattutto che funzionando col GPS la batteria duri oltre un mese…

Personalmente, devo dire che mi ha abbastanza conquistato… Ho già ricominciato a contare i passi, stabilendo un obiettivo giornaliero di 6000 al momento, con ottimi risultati in termini di mia autoincentivazione.

Il fatto è che Bip azzecca sotto molti aspetti come dovrebbe essere un indossabile: il più leggero e meno invasivo possibile (cosa che non è presente sugli orologi Wear OS e Samsung), con una batteria che ti puoi scordare di caricare, per cui lo allacci al polso ed è un set and forget it, con molte funzionalità legate al fitness e alla fruizione della musica (che, a sua volta, è legata a filo doppio al fitness) e, infine, costa poco, perché gli indossabili non sono ancora un prodotto ambito dai consumatori ed è dunque impensabile che costoro possano sborsare 300 euro per decretare il successo di un tipo di oggetto che ancora non capiscono bene, mentre invece 80/100 per un indossabile che è comunque una fitness band (prodotto che ha già un suo certo focus sul mercato) sono tutta un’altra cosa.

Fa poche cose ma le fa abbastanza bene. Dopo che te lo sei messo, appunto te ne dimentichi, sia perché non pesa al polso, è quasi come non averlo, sia perché non lo devi mettere a caricare ogni sera come i zavagli con Wear OS o gli orologi Tizen.

Le notifiche soffrono alcuni limiti: caratteri piccoli, visualizzazione temporanea, necessità di scorrerle tutte per poterle cancellare, mancanza di sincronia con il cellulare (sul frontier, se cancelli una notifica sull’orologio la cancelli anche sul cellulare, non così invece col Bip). Però funzionano e, per me, sono più fruibili di quelle del Samsung: la vibrazione è più forte, lo schermo è subito illuminato quando alzi il polso, a differenza di quello che avveniva col Samsung, fatto sta che difficilmente me ne perdo una.

Le applicazioni con cui si può gestire Bip sono sostanzialmente tre:

  • Mi Fit, l’applicazione ufficiale Huami, la società, del gruppo Xiami, produttrice del Bip;
  • Notify & Fitness, un «miglioramento» consigliassimo dell’applicazione ufficiale, che offre funzionalità ulteriori rispetto a quelle di base;
  • Amazfit Tools, già menzionata, anche questa un miglioramento, anche se si segnala per le funzionalità che riesce a conferire all’unico pulsante fisico, mentre per le notifiche a mio giudizio rimane meglio la precedente.

Queste tre applicazioni si possono usare anche parallelamente, infatti sul mio Note 8 le ho installate e le utilizzo tutte e tre.

Questa non è e non voleva essere una recensione completa del Bip, per la qual cosa magari scriverò un altro post in seguito, ma un punto della situazione sugli indossabili, come «seguito» ideale al post, già richiamato, di agosto 2017 sulla categoria, per consentire di fare chiarezza su una categoria di prodotti che deve ancora trovare collocazione nella mente dei consumatori, pur presentando diversi ed innegabili vantaggi.

Buon divertimento a tutti.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Comments

  1. Per cancellare una notifica basta fare swipe da destra verso sinistra e premere sul cestino, e per aumentare il tempo di visualizzazione della notifica ti basta tenere un dito sullo schermo.

    • La prima cosa la sapevo, grazie, quella che manca è la possibilità di rimuovere tutte le notifiche in un sol colpo, se vuoi farlo devi per forza scorrerle fino in fondo. Bisognerebbe prevedere ad esempio un tap lungo per questa rimozione. La seconda cosa invece non la sapevo, grazie ancora di più!

Di la tua!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: