Uomini impegnati: possono corteggiare le altre?

Nel mio gruppo facebook «le perle di tiz», una perlina ha posto un quesito molto interessante: non è indelicato che gli uomini, anche impegnati, non corteggino comunque un po’ le altre donne?

Si è sviluppata una interessante discussione, nella quale sono intervenuto con un lungo commento che ripropongo, con qualche aggiustamento, di seguito.

C’è un racconto di Milan Kundera intitolato «La mela d’oro dell’eterno desiderio», contenuto nella raccolta Amori ridicoli, in cui si descrive la vita di un tale che, dopo essersi impegnato con una donna che ama, continua a corteggiare anche tutte le altre, dando loro appuntamenti cui non si presenta ma ai quali interviene di nascosto solo per vedere se la donna puntualmente viene. Non tradisce la donna che ama, ma vuole verificare ogni giorno il suo potere di seduzione e comunque … si diverte.

Sì certo perché per noi maschi la seduzione è innanzitutto proprio in gioco, un gioco molto divertente, intrigante, appassionante, coinvolgente…

Ognuno di noi nella sua vita incontra, anche quando è impegnato, persone del sesso opposto che trova gradevoli, magari anche molto.

È impossibile che questo non accada.

Quello che fa la differenza è ciò che, in quel momento, decidi di fare con quel primo, timido sentimento…

Yeshua stesso ha detto che non è peccato solo commettere adulterio, ma anche guardare una donna con l’intenzione di commetterlo…

Questo credo ci fornisca la risposta: la differenza la fa il cuore.

Sotto un punto di vista evolutivo, non c’è alcun dubbio che la natura del maschio sia poliginica. Siamo programmati per spargere il nostro DNA il più possibile, non importa dove, non importa quanto, poco importa con chi. È evidente che la donna è molto più selettiva di noi. I musulmani maschi possono avere fino a quattro moglie. Molti patriarchi della Bibbia ne avevano più di una.

Personalmente, però penso che la ricchezza che puoi avere con un unico rapporto profondo non si possa in alcun modo avere tenendo in piedi un piccolo harem, come a molti maschi è magari capitato in alcune fasi della vita.

Certo la logica dell’harem ha i suoi vantaggi: se una delle tue donne ha la luna storta vai da quell’altra! E questo considerando che la natura femminile è fatta di irrequietezza è un vantaggio non da poco.

Però alla fine non c’è niente da fare, quello che puoi avere sia emotivamente che sessualmente da una donna che hai eletto a moglie o compagna è molto più intenso di ciò che puoi avere altrimenti.

Questo è quello che l’uomo contemporaneo non riesce piú a capire, cioè che vale ancora moltissimo la pena di investire su un matrimonio, una convivenza, una persona che riconosci come speciale ma poi fai diventare tu ancora più speciale giorno dopo giorno.

Quanto al tema iniziale, un maschio può essere sposato, devoto e fedele ma essere al contempo galante e “seduttore”, ogni donna ha diritto di essere apprezzata, riconosciuta, stimata, guardata, di sentirsi bella e “domina” del suo piccolo mondo… È solo un modo per scambiarsi piacevolezza, se fatto con un cuore che non vuole peccare, ma vuole solo fare sentire adeguata un’altra persona.

Un bello, bellissimo Gioco, come dice Kundera.

Evviva noi.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Counselor. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Lasciaci un vocale!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: