Uomo artefice del proprio destino?

L’homo Faber é talmente preso dalla smania di «costruirsi un destino» che non si ascolta, non ascolta la vita, finendo così per non capire quale possa essere, quale sia il suo vero destino, e, dunque, per costruirsene un altro, un destino qualunque, preso a caso, purché non si dicesse che stava con le mani in mano, in un’epoca che celebra il fare a tutti i costi, anche a costo di agire quando non si è capito niente. Anche in materia di destino occorre ascolto.

«Il destino non lo intendo come la macchina inesorabile del fato. È sapere ancora una volta leggere dentro di sé. Riconoscersi. Da giovani e da vecchi.
L’importante è non farsi divorare dall’homo faber. Solo così si ha più tempo per ascoltare.
Muta la luce, non necessariamente la materia.»

(Eugenio Borgna)

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Counselor. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Di la tua!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: