Per pregare, non hai bisogno di aspettare di …

Per pregare, non hai bisogno di aspettare di essere perfetto o vicino alla perfezione.

Anzi, all’esatto opposto, la vera connessione col Padre nasce proprio quando prendi coscienza della tua finitezza, dei tuoi limiti e dei tuoi peccati, smetti di fare affidamento solo su te stesso per migliorarti e riconosci che c’è qualcosa di infinitamente più grande del cui aiuto hai avuto, e avrai, sempre bisogno.

Ricomincia a spendere la parola «peccato»: è un termine bellissimo, che non giudica, ma ti consente, al contrario, di iniziare a salvarti, di capire che non è vero che «tanto è tutto uguale», ma tu sei sempre le tue scelte ed è bellissimo così.

Veglia e prega in ogni momento.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: