«Porto al collo una piccola croce ortodossa c …

«Porto al collo una piccola croce ortodossa che brilla al sole mentre spacco la legna a torso nudo. Nei miei sogni di bambino, un Robinson dei boschi biondo e barbuto non poteva non avere sul petto la croce di Cristo.

Amo quell’uomo che assolveva le adultere, viaggiava a piedi
raccontando parabole cariche di pessimismo, svillaneggiava i borghesi e alla fine è andato a suicidarsi in cima a una collina sapendo che là lo aspettava la morte.

Sento di appartenere alla cristianità, una comunità di uomini i quali, scegliendo di adorare un dio che professava l’amore, hanno permesso alla libertà, alla ragione e alla giustizia di invadere il loro mondo.

Quello che mi frena è il cristianesimo, termine con cui viene chiamata la manipolazione della parola evangelica da parte del clero, una combriccola di stregoni muniti di tiare e campanelli, i quali hanno trasformato un messaggio pieno di ardore in un codice penale.»

Sylvain Tesson – Nelle foreste siberiane

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: