Journaling con le due carte

Lo schema che si adatta meglio, a mio giudizio, per tenere un diario con i tarocchi è quello delle due carte.

Ciò per la sua semplicità, e conseguente velocità (cosa importante per un gesto da ripetere periodicamente, magari anche una volta al giorno), e per il fatto di partire subito, con la prima carta estratta e disposta sul piano, con la disamina della situazione attuale dell’interrogante, che in questo caso coincide con la persona che tiene il diario.

Lo scopo del diario consiste infatti per lo più nel prendere una coscienza più approfondita della propria situazione, anche nel caso classico in cui una persona si siede e, senza usare carte o altri strumenti, «racconta» al proprio diario la sua giornata, i suoi pensieri, le sue riflessioni…

Per questi motivi, dunque, a mio modo di vedere lo schema più adatto per tenere il diario è quello delle due carte.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: