Leggere sul cellulare for dummies.

Oggi ho insegnato a mia madre a leggere sul cellulare.

Le ho installato Google Play Libri e le ho dato una copia de «Il vecchio che leggeva romanzi d’amore» di Sepulveda, che, per iniziare è ottimo: è un romanzo breve e una storia bellissima.

Le ho ingrandito i caratteri, ampliato leggermente l’interlinea e attivato il filtro luce blu per la visualizzazione serale. Lei ha un Note 9, con un display abbastanza grande.

Le si è aperto un mondo.

Anch’io preferisco il cartaceo, e vi resterò sempre legatissimo, ma credo che il digitale non sia da sottovalutare, in alcune circostanze può essere molto utile.

Alla fine, l’importante è leggere, quindi stare coi libri.

Certo l’esperienza col cartaceo è migliore, ma non per questo possiamo rinunciare alle alternative.

Ovviamente, un lettore con schermo e-ink sarebbe più riposante, ma il cellulare presenta il vantaggio di essere sempre con te…

Inoltre, l’ecosistema di Play Libri offre diversi vantaggi interessanti: tutti i libri, con i progressi di lettura, note, segnalibri, evidenziazioni, si sincronizzano. Così lei può, a seconda di come le conviene, leggere anche sul suo iPad.

Altri libri che le ho passato dopo il romanzo di Sepulveda:

È andata a finire che mi ha detto che vuole leggere Guerra e pace…

Iscriviti al blog per ricevere il post del giorno.

Non sai cosa leggere? Prova il mio sportello gratuito di biblioterapia!

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: