É sempre per serendipità che ci s’incontra. C …

É sempre per serendipità che ci s’incontra. Così fu anche per loro.

Affidarono i corpi all’abbraccio metallico accennato da una panchina, di fronte alla saracinesca calata di un caffè.

Guardarono i tavolini deserti – insistevano abbandonati come piante rinsecchite – e si diedero a conversare, con piacere ed attenzione.

Trascorsi venti minuti, lui lo realizzò: lei non aveva ancora mai menzionato il covid.

Fu così che s’innamorò.

microstorie coviddi lamorealtempodeicoviddi

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: