Gli scrittori distopici hanno immaginat “…”

Gli scrittori distopici hanno immaginato più volte un’umanità privata della sua libertà dalle macchine – ed è esattamente quello che accade oggi con gli algoritmi che censurano e bannano le persone, privandole della libertà di parola per sempre.

Colgo l’occasione per reiterare il mio profondo disgusto per gli errori dei collaborazionisti del regime delle macchine, i giustificazionisti «perché il regolamento di facebook è chiarissimo» e «sono aziente privateh!»: specchiatevi, guardate quanta poca vita c’è dentro di voi, crescete, anzi nascete.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: