«Aveva denunciato il marito da cui si era sep …

«Aveva denunciato il marito da cui si era separata per maltrattamenti e violenza sessuale e per un anno e mezzo non gli ha fatto vedere la figlia. La donna, una quarantenne di origine romena, aveva raccontato ai carabinieri delle amanti di lui e delle percosse che lei riceveva quando lui tornava scontroso da casa dell'amante. Aveva ripetuto le ingiurie e le minacce subite. Aveva descritto lo stato di ansia e stress che la situazione le provocava. E aveva anche raccontato un episodio in particolare in cui lui l'aveva tirata giù dal letto e portata su un divano nel soggiorno, dove l'aveva bloccata tenendola ferma per le mani e l'aveva costretta ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. Testimone la sorella gemella, che aveve riferito di aver visto i polsi arrossati della vittima.

La pm Barbara Badellino ha portato in aula la causa e ha chiesto la condanna dell'uomo a tre anni di reclusione. Il giudice, invece, oggi lo ha assolto. I legali dell'imputato, gli avvocati Alessandro Lamacchia e Antonino Fava, sono infatti riusciti a dimostrare con dettagliate indagini difensive che l'accusa nei confronti dell'ex marito era stata costruita ad arte.»

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: