Giovanna Cuccui

Sono una collaboratrice dello studio legale Solignani & Massa. Collaboro presso l'Università di Bologna. Curo una costante attività di approfondimento teorico-giurisprudenziale, oltre all'applicazione del diritto.

quando finisce una convivenza chi se ne va può chiedere indietro le spese per l’acquisto della casa?

Caia, con atto di citazione, conviene in giudizio Tizio e, sostenendo di aver vissuto per sette anni more uxorio con il predetto e di avere sorretto il 50% delle spese per l’acquisto e la ristrutturazione di un immobile acquistato ed intestato al solo Tizio, chiede che venga accertato il suo credito. Il Tribunale, esaminata la quaestio, dichiara che Tizio è tenuto a versare a Caia il 50% delle somme corrispondenti ai costi di acquisto e ristrutturazione dell’immobile … Continue reading

l’ ”inadempimento” del contratto preliminare – nota a Cass., n. 14988 del 7 settembre del 2012

Tizio, nella veste di promissario acquirente di due immobili, evoca dinanzi al Tribunale i promissari venditori deducendo l’inadempimento dei convenuti in ordine al contratto di compravendita stipulato tempo prima. Va evidenziato che i venditori, al momento del contratto, oltre a pattuire il prezzo, garantivano la libertà degli immobili da qualsiasi peso o vincolo, mentre, in realtà, i medesimi beni risultavano gravati da ipoteche e pignoramenti e uno era anche occupato da un conduttore. Tanto premesso, Tizio chiede … Continue reading

rilevabilità d’ufficio della nullità del contratto: la Cassazione fa chiarezza!

Tizio stipula un contratto preliminare mediante il quale si impegna a dare in permuta la proprietà di un terreno, di circa 4500 mq, all’impresa X; quest’ultima, a sua volta, si obbliga a far avere a Tizio la proprietà di 400 mq del fabbricato che di lì a poco intende costruire sul fondo. In pari data, l’impresa X procede all’acquisto del terreno dal proprietario tavolare, un tale sig. Caio. Successivamente, interviene il fallimento dell’impresa X: fase in cui … Continue reading

un medico può farsi «pubblicità» tramite un volantino?

Il dottore Tizio viene sottoposto a formale procedimento disciplinare da parte dell’Ordine dei Medici del luogo in cui esercita la professione, in relazione alla diffusione di un volantino ove risultano pubblicizzate le prestazioni offerte dalla Cooperativa ‘’X’’ di dentisti, della quale lo stesso Tizio risulta direttore sanitario. L’accusa iniziale che viene formulata nei confronti del dottore è quella di avere tenuto un comportamento non conforme rispetto a quanto disposto dal codice deontologico. All’esito del procedimento disciplinare, la … Continue reading

che succede se la domanda proposta in giudizio non corrisponde a quella oggetto di mediazione?

Tizio, parte convenuta in giudizio, eccepisce, in via pregiudiziale, l’improcedibilità dell’azione proposta dagli attori, i signori Caia e Sempronio. Secondo il convenuto, per l’appunto, non vi sarebbe corrispondenza ed identità fra le domande contenute nell’istanza di mediazione prodromica ed obbligatoria (D.Lgs. nr. 28 del 2010) e le domande proposte formalmente nel giudizio in corso. Nello specifico, all’interno dell’istanza di mediazione viene chiesto: 1) l’accertamento della sussistenza del diritto di servitù gravante sul fondo servente di proprietà del … Continue reading

la responsabilità del datore di lavoro e del lavoratore in caso di decesso del secondo

Tizio perde la vita a causa di un infortunio sul lavoro: nello svolgimento delle sue mansioni, alle dipendenze di Caio, rimane folgorato nel tentativo di operare un collegamento tra la betoniera (presente nel cantiere) e il cavo di alimentazione, con la corrente in tensione. Il Tribunale di primo grado, competente, dichiara la responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio mortale occorso al suo dipendente Tizio. A seguire, la Corte d’appello, chiamata a pronunciarsi, riconosce una responsabilità di … Continue reading

quando si finisce fuori strada a causa di una buca sull’autostrada si può chiedere il risarcimento?

Tizio, mentre viaggia con la sua automobile sull’autostrada Salerno – Reggio Calabria, a causa di una grossa buca presente nel tessuto stradale, esce fuori strada, urtando il guard rail e riportando evidenti danni. Tizio promuove, così, formale domanda dinanzi al Tribunale, chiedendo espressamente alla X S.p.a., ritualmente convenuta, il risarcimento del danno per il sinistro causato dalla buca. Il Tribunale preposto rigetta la richiesta dell’attore. Promosso ricorso in appello: la Corte conferma la pronuncia di primo grado, … Continue reading

la Corte di Giustizia europea fa chiarezza sulle prestazioni previdenziali erogabili dagli Stati membri

I signori Tizio e Sempronio di cittadinanza polacca, con relativo domicilio in Polonia, risultano essere coperti dal regime previdenziale di tale Stato. Ebbene, per un periodo di tempo, il sig. Tizio, padre di due figli e agricoltore autonomo, lavora ‘’stagionalmente’’ presso un’impresa orticola in Germania; anche, il sig. Sempronio, padre di una figlia, svolge un’esperienza lavorativa ‘’distaccata’’ in Germania, di circa dieci mesi. Entrambi, lavoratori nello Stato tedesco, chiedono di essere integralmente assoggettati all’imposta, interna, sui redditi: … Continue reading

le responsabilità delle banche per protesto illegittimo – osservazioni a margine di Cass., 31 maggio 2012, nr. 8787

Con atto di citazione, Caio, Tizio e Sempronio convengono in giudizio, dinanzi al tribunale, la Banca s.p.a. per sentirla condannare al risarcimento dei danni subiti a seguito del protesto di quattro assegni tratti sul conto corrente nr. x, ad essi cointestato presso una filiale della predetta banca; assegni facenti parte di un libretto smarrito e dunque illecitamente utilizzati da ignoti. Gli attori, in sede giudiziale, deducono l’erroneità dei quattro protesti: più specificatamente, dichiarano che gli assegni sono … Continue reading

la valutazione dell’importanza dell’inadempimento ai fini della risoluzione è una questione di fatto non censurabile in sede di legittimità – osservazioni a margine di Cass. 7630, 16 maggio 2012

Ecco il caso: il professionista Tizio conviene, davanti al Tribunale, il signor Caio chiedendo la condanna di quest’ultimo al pagamento della somma x a titolo di compensi professionali. Il convenuto, costituitosi, eccepisce in via preliminare la prescrizione del diritto azionato dal professionista e nel merito contesta la domanda proponendo a sua volta domanda riconvenzionale per il risarcimento dei danni conseguenti al grave e colpevole inadempimento del mandato professionale. Il Tribunale accoglie parzialmente la domanda principale, rigettando quella … Continue reading