Categorie
benessere paleo

La dott.ssa Eck sulla mia paleo esperienza e su alcuni possibili punti critici delle diete evolutive.

*La dott.ssa Sabine Eck, che personalmente come noto stimo moltissimo, ha letto il resoconto del mio primo anno di esperienza con lo stile di vita paleo e mi ha mandato alcune osservazioni via mail che mi sembrano molto interessanti anche se in parte critiche e distanti dai concetti di base delle diete evolutive. Dopo averle chiesto il permesso, le metto di seguito a beneficio di tutti i lettori del blog.

Con l’occasione, voglio, anche se non è il tema di oggi, lasciarvi i link ad un bellissimo video, diviso in due parti, della dott.ssa sull’argomento «sale»: li trovate qui e qui. Dovete prendervi un po’ di tempo per vederli, ma vi assicuro che ne vale la pena.*


Schermata 2014-03-14 alle 18.46.15

La Paleo-dieta fa dimagrire un bel po’… sopratutto per la rinuncia totale dei carboidrati a base di grano.

In oriente non c’è gente grassa (almeno che non siano occidentalizzati) perché mangiano riso (ha un’effetto asciugante sul corpo). Basta vedere i cinesi in italia…i vecchi (cibo tradizionale cinese) sono magri…i loro figli (cibo italiano) sono spesso grassi

Poi ci sono da considerare alcuni aspetti/contesti:

  1. alla lunga è molto pericolosa per un eccessivo carico proteico-in mancanza di “movimento da cacciatore” soprattutto

  2. i cacciatori non mangiavano di sicuro la carne ogni giorno-facevano dei gran digiuni!!!! e mangiavano erbe e radici,semi,frutta

  3. i cacciatori mangiavano anche le interiora (sono alcalini)…la massa muscolare invece è acida (aminoacidi insomma)

  4. è una alimentazione per pochi – se lo facesse l’intera umanità occidentale sarebbe un disastro ecologico

  5. l’uomo dovrebbe evolvere…e non retrocedere… natura e cultura non sono identici

  6. eticamente non trovo giusto uccidere tanti animali…con l’età la dieta dovrebbe essere più rispettosa verso altre forme di vita

  7. la lunga vita rimane ancora un mistero a livello scientifico…certamente non dipende solo dal mangiare…ma sopratutto dal modus pensandi

Comunque sia…importante rendersi conto che si può cambiare, sperimentare diverse forme di alimentazione.

Un modello unico per tutti non può esistere

Importante togliere il cibo industriale!… E tornare alle stagioni e alla rotazione alimentare saluti 🙂 S Eck