Categorie
diritto

Tutela legale: inizia il 2024 con una assicurazione indispensabile.

Sono decenni che predico a tutti di comprare una assicurazione di tutelalegale, che ti paga le spese dell’avvocato in caso di bisogno e che ti consente così di non subire ingiustizie.

Visto che siamo nell’anno nuovo, può essere una buona idea, se ancora non ne hai una, fare finalmente questo passo e sottoscriverla.

Qui trovi un appunto che ho scritto a mano per una persona da me seguita che abita in zona Vignola, dove si trova come sai il mio studio.

A Vignola, ci sono agenti delle tre compagnie che consiglio di utilizzare, in quanto specializzate solo nella tutela legale: Arag, Uca e Das.

I tre agenti sono tutti miei amici. Quindi se abiti in zona, puoi chiamarli o passare da loro per farti fare un preventivo e/o direttamente la polizza.

Hanno tutti e tre un’impiegata dalla quale se credi puoi farti dare un appuntamento.

Se non abiti in zona, puoi andare direttamente con google, cercando con una stringa composta dal nome della compagnia più quello del tuo luogo di residenza, ad esempio «UCA Rimini». In alternativa, puoi anche andare sul sito della compagnia e cercare l’agenzia locale, ma temo che, salvo eccezioni, con google tu faccia prima e meglio.

Non esistono, che io sappia, ad oggi polizze di tutela legale sottoscrivibili online: quindi devi passare ancora per forza da un agente, cosa che presenta comunque diversi vantaggi, soprattutto conoscitivi perché ti consente di sapere bene come funzionano le garanzie.

Non aspettare ancora.

Io ti auguro ovviamente di non avere problemi legali, ma se per caso dovessero capitarti con una copertura di tutela legale riuscirai a gestirli in maniera estremamente migliore.

Non uso l’avverbio estremamente a caso. Su questo, fidati di me.

Considera che io non ho alcun guadagno, provvigione o commissione nelle polizze che stipuli e infatti ti mando direttamente dagli agenti.

Il mio unico vantaggio é che, se avrai un problema legale e deciderai di affidarmelo, potrò seguirti molto meglio, con molta maggior soddisfazione sia mia che tua.

Evviva noi e ancora tanti auguri per un eccellente 2024 a te e a tutti i tuoi cari. Grazie di cuore per l’affetto e la considerazione che mi riservi sempre.

Condividi questo post se pensi che possa essere utile anche da altri.

Errata corrige. Il numero di Roberto Fini, per Dad, indicato nell’appunto non è corretto, il numero giusto é 059 772452.

Categorie
riflessioni

16 cose sulle spese legali.

1) Le spese comprendono il compenso del tuo avvocato ma anche, se perdi la causa, quella del legale avversario.

2) Il tuo avvocato può farti un preventivo per il suo compenso, ma non può prevedere se e quanto il €giudice potrebbe condannarti a rimborsare al tuo avversario.

3) Dopo il primo grado di giudizio potrebbero esserci altri gradi come l’appello e il ricorso in Cassazione e dunque nuove spese.

4) In caso di impugnazione, il giudice del grado successivo può cambiare la ripartizione delle spese anche per le fasi precedenti.

5) Se vinci e il giudice stabilisce che il tuo avversario ti rimborsi le spese, la misura potrebbe essere diversa da quella che hai pagato tu.

6) Potresti anche non riuscire a incassare le spese che il tuo avversario é stato condannato a rimborsarti, ad esempio se é insolvente.

7) Se anche il tuo avversario é stato condannato a rimborsarti, intanto il compenso del tuo avvocato lo devi pagare tu.

8) Se hai un reddito basso puoi chiedere il patrocinio a spese dello Stato, ma poi dovrai scegliere il tuo avvocato in un apposito elenco.

9) Un buon metodo per non pagare spese legali o costi di assistenza professionale é stipulare e mantenere una polizza di tutelalegale.

10) Potresti trovarti a sostenere spese vive molto importanti, come, in alcuni casi, il contributo unificato o il compenso del CTU .

11) Il tuo avvocato é obbligato a farti un preventivo per iscritto per quanto riguarda i suoi compensi.

12) Nel suo preventivo scritto, il tuo avvocato deve, per legge e per obbligo deontologico, indicare la sua compagnia di assicurazione.

13) Per controllare che la «parcella» di un avvocato sia corretta puoi prendere un altro avvocato, ma devi valutare che ne valga la pena perché bisogna studiare l’intero fascicolo e tutto il lavoro fatto per fare questo controllo.

14) Quando si raggiunge un accordo con gli avversari le spese sono sempre compensate, cioè ognuno si paga il suo avvocato.

15) Anche quando vinci una causa il giudice può stabilire che le spese siano compensate: ognuno si paga il suo avvocato.

16) La valutazione sui costi e sulle spese é una delle valutazioni fondamentali da fare prima di aprire una vertenza o una causa di qualsiasi natura – purtroppo non tutte le voci sono prevedibili e predeterminabili.

? 1?? cerca «solignani» con google 2?? collegati e iscriviti al mio blog ?