come ottenere i rimborsi da easydownload

Un amico mi segnala questa interessante notizia, che sta facendo un po’ il giro della rete, almeno tra coloro che sono rimasti «vittima» delle pratiche commerciali di questo operatore, che si chiedono come possono fare ad ottenere i rimborsi. Da questo punto di vista, va precisato che quanto deliberato dall’AGCM non ha efficacia immediata e diretta nei rapporti tra easydonwload e gli utenti, avendolo solo per quanto riguarda la sanzione, mentre i singoli «clienti» per ottenere il rimborso devono muoversi in proprio, aiutati sicuramente dalla decisione di AGCM, che, però, è solo un primo passo.

Dalla parte degli utenti finali, il recupero si può presentare abbastanza difficoltoso e c’è da scommettere che molti utenti, specialmente quelli sprovvisti di una adeguata forma di tutela giudiziaria che paghi loro le spese legali, preferiranno abbandonare piuttosto che rischiare di spendere altri soldi. Una prima cosa che si può provare a fare è la classica raccomandata, in questo caso internazionale visto che la società responsabile è estera, ma se non si riceve risposta si deve poi, se si vuole coltivare ulteriormente la posizione, proseguire giudizialmente.

Andando in giudizio, la scelta in questo caso può essere tra la causa civile, che sconsiglierei (anche se in questo caso si potrebbe probabilmente utilizzare il veloce ed economico procedimento europeo per cause di modesta entità), e quella penale, dal momento che potrebbero esserci gli estremi per il reato di truffa. Per questa seconda alternativa, che è sicuramente più economica, dal momento che l’utente può anche scriversi da solo la querela (anche se sarebbe sicuramente meglio con l’assistenza di un legale, ma volendo risparmiare…) dopodichè sono le Autorità a procedere senza necessità di ulteriori impulsi, bisogna però valutare attentamente la praticabilità sotto il profilo della ricorrenza effettiva del reato (a questo riguardo bisognerebbe esaminare con precisione le schermate e la documentazione che venivano proposte all’utente al momento della sottoscrizione) e che non sia trascorso un periodo di oltre tre mesi, dal momento che in quel caso la querela non si potrebbe più pronunciare.

In conclusione, quindi, suggerirei di procedere come segue:

  • provare con una intimazione tramite raccomandata internazionale;
  • se è necessario procedere oltre, verificare innanzitutto se si può presentare querela; nel caso, procedere con la querela, altrimenti valutare il ricorso europeo per cause di modesta entità.

In bocca al lupo a tutti, se avete esperienze, lasciatele nei commenti.

About Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter, linkedIn, g+ e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Comments

  1. ANTONELLO says:

    SALVE HO AQUISTATO LA FAMOSA "SMART PEN" CHE TANTO VIENE PUBBLICIZZATA IN TV E SU INTERNET COME CURA MIRACOLOSA PER I GRAFI DELLE CARROZZERIE DELLE AUTO E DELLE MOTO, MI SONO ACCORTO ALL'UTTILIZZO CHE NON SERVE A NIENTE NON ELIMINA NE COPRE GRAFI NELLA CARROZZERIA NE MARGINALI NE PROFONDI COME PROMETTE LA TELEVENDITA VORREI SAPERE AVENDOLA AQUISTATA IN UN CENTRO COMMERCIALE SE POSSO ESERCITARE IL DIRITTO DI RECESSO O DEVO FARE UNA DENUNCIA IN QUANTO MI SENTO TRUFFATO DA UNA PUBBLICITà INGANNEVOLE..

Di la tua!