Keyboard maestro: modalità di debugging.

Keyboard maestro è un software di automazione per il mac di cui ti ho parlato già diverse volte, come ad esempio in questo post, e che ti consiglio caldamente se vuoi aumentare la tua produttività nel tempo che spendi al computer. I possibili utilizzi sono praticamente illimitati, l’unica cosa che c’è da dire è che richiede una conoscenza informatica maggiore di quella dell’utente comune, bisogna essere un po’ smanettoni, anche se non è necessario saper usare un linguaggio di programmazione vero e proprio trattandosi di una applicazione di macro, cioè istruzioni di base eseguite in modo sequenziale.

Per testare le macro che vengono create con Keyboard maestro a volte è utile, o addirittura necessario, eseguirle passo dopo passo, per vedere qual è l’istruzione che non funziona.

In questi casi, occorre entrare in modalità «debugging».

Per entrare in questa modalità, occorre andare nel menu di stato di Keyboard maestro, che si trova in alto a destra nel mac, nella barra dei menu di mac os, insieme alle icone di molti programmi, tra cui solitamente dropbox, alfred, enpass, skype e così via.

Ecco ad esempio la parte destra della mia barra dei menu di oggi

la mia barra dei menu

 

L’icona di keyboard maestro è facilmente riconoscibile perché porta il carattere del vecchio tasto mela di macOS, oggi chiamato tasto «command», posto sia a destra che a sinistra della barra spazio. Qui sopra la puoi vedere in mezzo a clipmenu, un programma che utilizzo per mantenere più versioni della clipboard di sistema, e f.lux, un’app per la gestione dell’illuminazione dello schermo, per evitare la luce blu.

Cliccando su questa icona si apre il menu di stato di Keyboard maestro, di cui puoi vedere, come esempio, il mio qui di seguito.

status menu di keyboard maestro

Questo menu viene utilizzato più frequentemente per lanciare l’editor, cioè la parte del programma dove scrivi e modifichi le tue macro; ma può essere utilizzato anche per lanciare alcune macro per cui non è stata definita una scorciatoia da tastiera, nel mie menu infatti vedi cinque macro che possono essere lanciate semplicemente cliccando sul loro nome (quella che utilizzo di più è quella per fare l’OCR sui documenti).

In basso, come penultima opzione, c’è appunto quella per entrare nella modalità «debugging».

Cliccando su tale opzione, si apre una finestra «volante» che rimane appunto aperta e dalla quale si può manualmente passare all’istruzione successiva di ogni singola macro che viene lanciata, per scopi di testing. Qui la finestra appare vuota, perché non c’è nessuna macro in esecuzione da controllare.

Debugger

Appena inizi ad eseguire una macro, la finestra viene «popolata»

debugging di una macro

Questa è una macro, che si chiama appunto «rispondi a mail con audio», con la quale a volte rispondo appunto ad una cara, vecchia mail registrando un audio, che poi viene velocizzato per rispetto di chi se lo deve ascoltare, salvato ed allegato alla mail.

Per fare il debugging è sufficiente premere sull’icona immediatamente a destra dell’icona della pausa (che risulta correttamente selezionata perché la macro è in pausa per essere eseguita passo dopo passo), quella con il trattino in basso e sopra la freccia curva verso destra.

In questo modo, si può vedere che cosa effettivamente succede quando vengono eseguite le singole istruzioni e dove la macro «si inceppa», smettendo di funzionare, andando poi ad intervenire sulla singola azione che ha presentato i problemi.

Iscriviti al blog per non ricevere tutti i giorni post come questo.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: