4 commenti su “La messaggistica é un ripiego vigliacco.”

  1. Sono completamente d’accordo su quanto esposto.Oltre che vigliacco, la messaggistica incentiva il cazzeggio per chi non ha veramente “desiderio” di risolvere un problema

  2. Ciao Tiziano, in effetti al 90% sono d’accordo con te. La messaggistica “flash” ha preso troppo piede, e forse abbiamo lasciato prendere troppo piede anche ai nostri clienti. Io personalmente uso la messaggistica «flash» per appuntamenti e per brevissime comunicazioni (mi fa anche da promemoria), salvo naturalmente amici e parenti; naturalmente se devo comunicare un provvedimento, o menzionare una scadenza di un atto, ad esempio un appello, ovviamente preferisco inviare una PEC al cliente o comunque alla mail che mi ha indicato nel contratto come il suo riferimento postale (con obbligo di riscontro), per lasciare qualcosa di scritto e per predisporre (purtroppo è così) le prove che ho fatto tutto il mio dovere. Nel mio tariffario personale, che faccio sottoscrivere al cliente, ci sono gli sms, le mail e tutta la messaggistica. Tra l’altro uso moltissimo i programmi di dettatura professionali, che funzionano abbastanza bene. Se poi devo trattare problemi giuridici, impostare una strategia processuale o o comunque dialogare con il cliente, il dialogo deve essere diretto ed in presenza, o comunque in telecomunicazione, e comunque de visu. Abbracci e buon lavoro. Luca

    1. Sì certo, le variazioni possibili sul tema sono tante, ognuno può regolare finemente la materia come meglio, crede, l’importante è non basarsi troppo sulla messaggistica asincronca, cosa che oggigiorno tutti tenderemmo purtroppo a fare in modo eccessivo.

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: