Categorie
avvocato risponde

Due che si separano possono continuare a stare nella stessa casa?

DOMANDA – Attualmente vivo con mia figlia minore in affitto, sono in attesa di separazione e divorzio. Una volta ottenuto il divorzio, è possibile trasferire la residenza a casa del mio ex marito pagando l’affitto in locazione parziale? Affinché la bambina , anche se affidato a me, possa crescere con entrambi i genitori? Essendo divorziata non c’è più nessun legame vero?

— RISPOSTA – Una relazione di convivenza more uxorio, o la convivenza che c’è all’interno di un matrimonio vero e proprio, possono essere trasformate quando si vuole – per le persone che ne sono capaci – in una relazione di coabitazione, analoga a quella degli studenti che non legati da nessun vincolo di parentela, coniugio, affinità, condividono una casa presso la città della sede universitaria.

Questo è tanto vero che già in sede di separazione non è necessario che i due coniugi si trovino ad abitare in due case diverse, è sufficiente che la convivenza perda i caratteri dell’unione matrimoniale o sentimentale di fatto e diventi una mera relazione di coabitazione.

Naturalmente, questo può rendere possibile per la parte che volesse opporsi al divorzio richiesto dopo la separazione eccepire una ripresa della convivenza come marito e moglie, cosa che paralizzerebbe la domanda di divorzio, ma questo è un altro profilo, che non cambia la situazione a livello concettuale, anche se ovviamente è preferibile tenerne conto.

Se vuoi approfondire ulteriormente la questione, chiama ora lo studio al numero 059 761926 e prenota il tuo primo appuntamento, concordando giorno ed ora con la mia assistente.

Puoi anche acquistare online direttamente da qui: in questo caso, sarà poi lei a chiamarti per concordare giorno ed ora della nostra prima riunione sul tuo caso; a questo link, puoi anche visualizzare il costo.

Naturalmente, se vivi e lavori lontano dalla sede dello studio – che è qui, a Vignola, provincia di Modena, in Emilia – questo primo appuntamento potrà tranquillamente avvenire tramite uno dei sistemi di videoconferenza disponibili, o persino tramite telefono, se lo preferisci; ormai più della metà dei miei appuntamenti quotidiani sono videocall.

Guarda questo video per sapere meglio come funzionerebbe il lavoro con me.

—————

Ti lascio adesso alcuni consigli e indicazioni finali che, a prescindere dal problema di oggi, ti possono sempre essere utili.

• 📧 Iscriviti oggi stesso, in ogni caso, al blog in modo da ricevere, sempre gratuitamente, futuri contenuti come questo, utili per sapere come meglio gestirsi nelle situazioni legali della vita di tutti i giorni. Per iscriverti al blog, vai in fondo alla pagina e inserisci la tua mail nella casellina: ti arriverà una mail cui dovrai dare conferma per attivare l’iscrizione.

• 📺 Iscriviti subito al canale YouTube degli avvocati dal volto umano e al podcast dove trovi altri contenuti, sempre gratuiti e utili per capire come meglio gestire e soprattutto prevenire i problemi legali. Sia nel canale che nel podcast trovi già contenuti molto utili per chi ha un problema legale, che ti invito a guardare o ascoltare.

• 👋 Entra oggi stesso nelle community degli avvocati dal volto umano: su telegram e su facebook e facebook. In questi gruppi potrai chiedere aiuto a me e agli altri avvocati presenti sulle situazioni legali che ti dovessero anche in futuro interessare.

• 🙋‍♀️ Se vuoi, puoi mandare anche tu gratuitamente una tua domanda: compila questo modulo.

• 🎁 Valuta una assicurazione di tutela legale: la prossima volta che incontri un problema potresti gestirlo molto più agevolmente e a costo zero. Questo consiglio è fondamentale: non sottovalutarlo!

• 😍 Metti «like» adesso, se ti è piaciuto questo post, e lascia un commento se vuoi dire la tua, risponderò volentieri; condividi liberamente, in qualsiasi modo, questo post se pensi che possa piacere o interessare a qualcun altro.

• ⚖️ Per caso, sei un avvocato? Iscriviti subito alle potentissime risorse gratuite di «fare l’avvocato è bellissimo». Trovi tutto nella home page del blog, iscriviti a blog, canale youtube, podcast e segnati il numero da chiamare per quando vorrai iniziare a fare coaching con me.

Categorie
diritto

Matrimonio breve: é dovuto mantenimento?

Dopo 2 e mezzo di matrimonio siamo in separazione consensuale, senza figli. Ancora non iniziata. Le porgo 2 domande, 1 se il giudice potrebbe dare un mantenimento? Anche se in misura ridotta o del tutto nullo ,matrim breve. 2 dom. Può mia moglie farsi 4 weekend di fila pernottando 3/4 notti a weekend, non sapendo dove e con chi? Cosa mi consiglia x prossimo weekend? Come creare vantaggi alla mia situazione? Il mio desiderio è finire tutto, senza erogare nulla nei confronti della moglie.

A questa domanda é stata data risposta nel nostro podcast, si può ascoltare qui:

https://soundcloud.com/tsolignani/alcuni-consigli-per-affrontare

Categorie
diritto

Dopo la separazione, coniuge torna in casa: può uscire l’altro allora?

sono separata da 4 anni, due anni fa per motivi economici il mio ex marito è tornato a casa con noi (ossia con me ed i nostri due figli di 5 ed 8 anni), in questo periodo non mi ha mai dato alimenti ora penso che lui se ne stia approfittando, non ho scelte devo andare via di casa altrimenti la mia salute mentale sarà gravemente compromessa. La mia domanda è la seguente : posso andarmene di casa con i bambini? senza incorrere a qualche problema legale?

In materia familiare, specialmente dove ci sono figli minori, e specialmente se è già intervenuto un provvedimento giudiziario, una persona non può fare quello che, in quel momento, gli pare più opportuno o addirittura anche necessario, salvo situazioni di reale urgenza che tuttavia non siano gestibili in nessun altro modo.

Il primo punto di riferimento è quello del provvedimento giudiziario stesso, quindi nel tuo caso il titolo che regola la separazione che può essere una sentenza, se hai fatto una separazione giudiziale, oppure un decreto di omologa con annesso verbale, nel caso in cui tu abbia fatto la separazione consensuale.

Il quadro, peraltro, è ancor più complicato dal fatto che, essendo tuo marito tornato a vivere con voi – cosa che nemmeno si capisce se sia avvenuta ufficialmente, con tanto di cambio di residenza, o meno – egli potrebbe eccepirti l’intervenuta decadenza della separazione che avevate fatto per ripresa della comunione spirituale e materiale tra voi e cioè riconciliazione. Chiaramente, la cosa potrebbe non esser nemmeno vero, e voi due, come mi pare di capire, magari avete vissuto semplicemente come co-inquilini, ma intanto lui questa eccezione te la potrebbe fare e tu avresti il relativo problema da gestire. Nel mondo del diritto, tra avere ragione e avere le prove di questa ragione c’è sempre un mare di differenza.

Alla fine, che cosa devi fare?

Devi per forza a mio giudizio andare da un avvocato che studi tutta la situazione in particolare e approfonditamente; in caso di urgenza, a prescindere da come stanno in realtà le cose, ti potrà far uscire però mandando prima una comunicazione scritta o diffida a tuo marito che comunica ufficialmente il motivo del tuo trasferimento, la collocazione dei minori e tutti gli altri dettagli importanti del caso.