Categorie
diritto

Artigiano pagato e scomparso: che fare?

Un artigiano ha preso dei soldi per fare un lavoro a casa mia ma non si è mai presentato e si è reso irreperibile. ho fatto mandare la messa in mora dall’avvocato e ho sporto querela verso i carabinieri. tutto questo succedeva 4 mesi fa, ad oggi non ho risposta da nessuno e non ho modo di monitorare l’avanzamento della querela. Come posso fare per riavere il mio credito? si parla di €1700. posso rivolgermi ad una società di recupero crediti?

Per capire se effettivamente c’è stato un reato, e se quindi una querela in una situazione del genere ha un senso, bisognerebbe capire meglio come sono andate le cose, avere più dettagli, per vedere se ci possono essere i requisiti della truffa, che richiede specifici «artifici e raggiri», o dell’insolvenza fraudolenta ovvero non si tratti, invece, di un mero inadempimento contrattuale, che è sicuramente un illecito, ma solo civile e non anche penale.

Generalmente, posso per esperienza dire che in procura tendono a ritenere situazioni di questo genere come problemi aventi rilevanza esclusivamente civilistica, richiedendo dunque l’archiviazione e lasciando la tutela del soggetto che ne è rimasto vittima alle sue stesse iniziative, anche se comunque come dicevo a riguardo bisognerebbe conoscere meglio il caso e vedere come è stata redatta la querela.

Sul piano penale, comunque, non riporrei molte speranze e valuterei già da ora quello che si può fare su quello civile.

Se la diffida non ha prodotto effetti, il passo successivo è solo quello di valutare iniziative giudiziarie, è inutile pensare di invitare una parte in mediazione in una situazione del genere e dopo che si è comportato in questo modo.

Anche qui mancano nella tua descrizione del caso dettagli che sarebbero stati necessari per capire se possibile, ad esempio, procedere in via monitoria richiedendo un decreto ingiuntivo o se, invece, bisogna ripiegare sul più lungo rito ordinario, nelle forme dell’atto di citazione o del ricorso ex art. 702 bis. Come gli sono stati dati, infatti, questi soldi? Gli sono stati dati all’interno di una cornice contrattuale? E così via.

In ogni caso, rimane centrale il problema della solvenza, sul quale ti rimando ad una attenta lettura della nostra scheda sul recupero crediti.

Può anche darsi che la scelta più conveniente, alla fine, sia lasciar perdere il recupero e dare questi soldi per persi, pena il perderne altri inutilmente.

Chiedi comunque un preventivo ad un avvocato per il recupero crediti e poi valuta. Se vuoi un preventivo da parte nostra, puoi chiedercelo compilando la voce apposita nel menu principale del blog.

Per evitare ulteriori fregature in futuro, ti raccomando di iscriverti e restare iscritto alla newsletter del blog, che con un solo post al giorno, dal lunedì al venerdì, ti fa capire, direttamente dalla voce di un esperto come me disposto a condividere i segreti del mestiere con il grande pubblico a scopo divulgativo e di orientamento, come funziona la pratica legale e come è meglio comportarsi nella vita di tutti i giorni.

Categorie
diritto

Cosa posso fare se ebay mi chiude il negozio senza motivo?

l’argomento e’ Ebay.
Dunque,avevo gia’un account privato,da 3 anni,senza mai nessun problema,quando,ad ottobre,ne apro uno venditore pro.
Dall’apertura ed iscrizione al negozio base,ho letteralmente tempestato l’assistenza clienti,una cinquantina di mie email,per chiedere info davvero su tutto,per cercare di procedere il più correttamente possibile.
Invio i doc richiesti (per tre volte,poiche’a mia richiesta di conferma,non li trovavano mai) attivo la PIVA Vies,verifica di paypal…tutto,insomma e continuo a contattarli fino a farmi confermare che fosse tutto ok.
Poi,li avviso che allestiro’il negozio avvalendomi del loro “scambio files”,al quale mi iscrivo.
Allestisco il negozio e,dopo MEZZ’ORA,mi trovo l’account sospeso.
Invio l’ennesima email,ricordando loro di non aver nessun impagato,di aver ottemperato alle loro richieste..etc,allegando anche un paio dei loro messaggi di conferma.
Risposta: sospeso per sempre. Ho chiesto ulteriori info,ancora senza successo.

Non sei il primo, purtroppo, a raccontarmi una storia del genere, e altre storie, sia pure di diverso tipo ma sempre riguardanti ebay, le puoi trovare trattate nel blog facendo una ricerca.

Il problema, tralasciando tutto quello che si potrebbe dire in diritto, è che ebay è una società alla quale è difficilissimo, se non impossibile, mettere il sale sulla coda.

Io potrei anche proporti di fare una diffida, ma so per esperienza personale che non rispondono neanche. Potrei proporti anche un ricorso cautelare ma, a parte i costi non certo trascurabili, non avresti comunque la certezza di risolvere la vertenza o vederti risarcito del danno subito.

Alla fine, credo che la soluzione migliore sia quella adottata da molti utenti che hanno cambiato la piattaforma e si sono messi a ricostruire il loro business su soluzione hostate in privato o presso altri fornitori più affidabili o con cui si può dialogare.

Il discorso sarebbe lunghissimo e pieno di implicazioni, perché siamo completamente in mano di grandi colossi che si sono bene organizzati per sfuggire alle maglie del diritto, oltre a ebay ce ne sono tantissimi altri, ma purtroppo si tratta di un fenomeno mondiale dove noi in Italia, con un sistema giudiziario completamente sfasciato, abbiamo ancora meno speranze di poter fare qualcosa.